E ben venga l’utero in affitto

o no?

Osservo con curiosità, la levata di scudi per il materializzarsi dello spettro dell’utero in affitto, cioè la “mamma surrogata” come si suol dire, come conseguenza della possibile legalizzazione della famiglia omosex; non coppia omosessuale ma genitorialità omosessuale.

Cos’è? Adesso non vi piace il femminismo? Quando demolisce per 4 decenni la figura paterna, tutto tace però, vero?

Eh, ma la mamma è sempre la mamma. Sarà, ma per qualcuno è retaggio antropologico.

E allora ben venga la madre surrogata, pardon, l’utero in affitto. E sia benedetta la Step Child Adoption, pardon, il padre in affitto.

Cos’è questa cagnara? Silenzio, please.

Se va bene la banca del seme allora ben venga la banca dell’utero!

Tacete quindi, il progresso esige il silenzio.

 

Annunci

UN Insanity and feminist “Food Tank”

Quote:

“Women are the priority. The majority of smallholder farmers in Africa are women and, in urban areas, you’re primarily looking at women-led households. So we can’t solve hunger if we don’t have gender-sensitive programming that addresses access to opportunities for women, whether it’s through education or tools for cooking, like solar-powered stoves,” says Ertharin Cousin, executive director of the U.N. World Food Programme.

As the impacts of climate change become more evident, the world will need to invest in more effective strategies to alleviate hunger and poverty. That means standing with our mothers, grandmothers, and sisters who are farming, as well as giving women farmers the resources they need to nourish both people and the planet.

Yes, you need to stand with your mothers, grandmothers and sisters who farm.

Then do me a favour. Leave your comfortable air-conditioned room and unplug the power-angry PC. Climate change will benefit.

And start farming.

Yes, stand with your mothers, grandmothers and sisters, even if you have never seen them. Sisterhood is global.

Io non sono #He4She

Ho appena degustato lo spot RAI in cui testimonial (tutti maschili) dello sport e dello spettacolo dichiarano la loro vocazione morale:

Io sono He For She

Che in Italiano significa

Io sono Lui per Lei

Per combattere le discriminazioni di genere, forma linguistica “neutra” per dire che gli uomini (e solo gli uomini) discriminano (negativamente) le donne. E d’altronde il video è chiaro nel messaggio, e lo slogan dice tutto: “He for She”.

La forma linguistica è falsamente piacevolmente neutra ma in realtà è ipocritamente inclusiva, per attirare gli uomini, quelli buoni ovviamente, nella trappola della cooptazione per buona fede. Un’invito a cena per tutti gli uomini, senza comunicare loro che non sono dei graditi ospiti; semmai la portata principale del pasto.

He for She, slogan inglese perché coniato da UN Women (United Nation Donne) perché ovviamente per l’ONU tutti sono uguali, alcune più uguali.

He4She un hashtag lanciato a Settembre del 2014 con un testimonial d’eccezione, Emma Watson (nota come Ermione nella serie Harry Potter), notoriamente un’altra oppressa.hermione

Dedicai alla sua performance Internazionale all’ONU un articolo in inglese “Dear Hermione“, per chi mastica un po’ d’inglese.

Il messaggio è chiaro, per chi vuole ascoltare; gli uomini sono responsabili (collettivamente) di tutti i problemi, inclusi i propri, ed individualmente devono impegnarsi per cambiare. Come? Lui per Lei.

 Citerò solo un passaggio

I want men to take up this mantle. So their daughters, sisters and mothers can be free from prejudice but also so that their sons have permission to be vulnerable and human too – reclaim those parts of themselves they abandoned and in doing so be a more true and complete version of themselves.

che traduco per voi

Io voglio che gli uomini vestano questo mantello. Così che le loro figlie, sorelle e madri possano essere libere dal pregiudizio, e anche i loro figli possano essere vulnerabili e umani, reclamando quelle parti di se stessi che hanno abbandonato e così facendo, materializzare una versione più completa di se stessi.

Chiaro il messaggio no? Cari uomini, così come siete non siete solo un problema per la società.

Siete incompleti e non umani.

Per il 2016 fate la vostra New Year Proposition. Io faccio la mia.

Io sono “He for He, “lui per lui”.

Why #feminism loves radical #Islam

I find often hilarious reading, or listening, debates about the supposed contradictions in feminism when dealing with Islam.

How can feminists attack the evil white heterosexual male of the “western” world, while conceding a trump card to the rigid androcentric set-up of the Islamic religion and relevant societies?

Let alone the radical Islam and the implied misogynistic view of women?

The seemingly contraddiction stems from a superficial understanding of feminism.

What critics of feminism fail to get, yet, is that feminism has achieved the status of a criminal organization based on the incremental absorption (and abuse) of power, by accurate manipulation of human social psychology.

Who hasn’t eared a feminist evoking the spectre of the sharia law, to warn everyone in the “western” world about the danger of turning back the (feminist) clock of history?

Women would be chattels in the patriarchal world designed by men in the “First” world, pretty much as women are forced into burkas by radical Islam.

muslim-womanSound familiar, doesn’t it? And sometimes it works with ingenuous folks.

The power of such position relies on “victimhood by association”. Women are, as a class, victims of the oppressors, men as a class. So men inherit the oppressor status despite cultures, religious beliefs and geographical differences; the same, in the opposite direction, applies to women.

So you may wonder: if feminists care about women and hence about Muslim women, why don’t they condemn firmly Islam?

If you pose yourself this question, you bought, at least partially, the propaganda according to which feminism cares about the “rights and dignity of women”. Feminism cares about women, pretty much as politicians care about their voters. Feminists care about power, and men in the “first” world are the obstacle on their way. Women just represent the consensus basis to consolidate and to mobilize against the enemy.

Feminists can’t condemn radical Islam, for two very simple (and coherent) reasons, stemming from the “gender as a class” paradigm. It has nothing to deal with “double standards” or hypocrisy.

Firstly. They simply can’t condemn Islam, even if inclined to, because doing so they would put a spotlight on the differences among women living in different cultures; thus, tearing down the concept of women as a monolithic class of oppressed beings. Women in the “western” world dress burkas, get it. Indeed, if you carefully analyse the feminist usage of “sharia” victim card, you’ll notice that it isn’t brought up to draw a separation line between women’s status in the “western” world and those under sharia, but to build a bridge between the latter ones and first world grandmothers. The condition of women under radical Islam has nothing to deal with religion, but with lack of feminist enlightenment. Deal with it

Secondly. They can’t stress out men’s misogynistic attitudes under radical Islam otherwise they would downplay the evil implications of first world men’s attitudes, such peeing while standing, staring at women, catcalling and manspreading. Men are an oppressor class, and our grandfathers forced women in burkas as well. Nowaday we don’t thanks to feminism. Feminists, simply put, do not see differences among men; they only see different stages of oppression when male attitudes are not properly confined.

Condemning radical Islam, in essence, would undermine the very pillars of feminism. If feminism accepted just for a second that the status of people is pretty much situational, it would open the door to the possibility that women in the first world (in comparative terms with men) are not oppressed and maybe they have never been. And that men are not oppressors. And that maybe women not only are not oppressed, but they are, as a whole, a priviledged demographic. This is not simply conceivable.

sinRemember this.

Maleness is the original sin, and the sin can’t be extinguished until its very root perishes.

The only fair share of power feminism conceives, it is the absolute power.

Social Justice Whores – #SJW

Unce upon a time men waged wars.

It was about honour and shame, victory beyond the death.

At stake there were lives, of those taking up arms.

Once there were warriors, crude was the fight.

Then feminism took the scene and SJWs came along.

Everyone will be equal, with few moving on.

Crusading for the justice, with nothing but just tweets.

twitter-war

No more shiny swords, only gentle words.

To win the final war, without a drop of blood.

Parading in top and bras, and sleeping with the boss.

It was a needed change, with warriors stepping down.

A future forged by whores will bring the coming dawn.

Una “soluzione finale” per il maschio

Ho sempre avuto una sincera antipatia per il termine Nazifemminismo, perché tale termine rende suscettibile il merito della discussione alla tattica della derisione per delegittimare l’interlocutore. Il termine, però, è tutt’altro che inappropriato. I paralleli sono tanti, ma non mi dilungherò in tale dissertazione e mi limiterò ad enuclearne uno, la matrice identitaria.

Come il nazismo ha sviluppato la propria matrice identitaria attorno al profilo etnico di razza “ariana” al fine di poter legittimare il nemico da eliminare, così il femminismo ha sviluppato la propria vocazione identitaria attorno al profilo genetico di una razza femminile onde poter definire i contorni del suo naturale nemico, la razza maschile.

La storia ce lo insegna; l’identità di gruppo si sviluppa senza particolari artifici per via di meccanismi sociali naturali; l’embrione è sempre lo stesso: nuclei minoritari che fanno leva sul proprio status di vittima per evadere il giudizio morale, lo scrutinio intellettuale e talvolta anche la legge. Nell’apatia di una maggioranza disaggregata, disinteressata e non contrapposta, questi nuclei crescono per cooptazione; è una crescita disorganica, in cui le istanze rivendicative cambiano pur di assecondare i nuovi gruppi demografici cooptati, fino a quando la minoranza muta in una difforme e incoerente maggioranza. Un gruppo il cui unico collante è la presenza di un nemico da abbattere.A-womens-liberation-demon-009

E’ un meccanismo sociale noto, e si basa sulla fomentazione continua della paura.

E’ così che il femminismo cambiava le sue pelli, muovendosi da istanze iniziali di autodeterminazione femminile, per poi teorizzare sovrastruture, fino a fagocitare al suo interno le istanze delle minoranze più disparate (omosessuali, trans, minoranze etniche), incurante delle contraddizioni che assorbiva ed alimentava. Tutto pur di poter profilare e rendere minoranza il suo nemico di sempre; il maschio, bianco ed eterosessuale. L’emblema, nella paranoica visione femminista della società, del potere.

Potere, potere, null’altro che potere. Al femminismo della donna non importa nulla; non è mai importato nulla.

Diana Russell coniava (o quantomeno sviluppava) il concetto di femminicidio, alcuni decenni fa; un concetto razzista, secondo cui le donne sono uccise dagli uomini in quanto donne. Un concetto osceno che ovviamente abbiamo preso ed adottato, grazie al meccanismo della “cooptazione in apatia”. La stessa Russell aveva le idee chiare da quel dì; il femminicidio non serviva a combattere la violenza sulle donne (lei stessa aveva osservato che i delitti sulle donne erano aumentati in concomitanza con lo sviluppo del femminismo). Per lei affermare il concetto di femminicdio era, ed è, uno strumento puramente politico per affermare il teorema dell’odio di genere: l’uomo esercita violenza sulla donna, in quanto donna; in sostanza l’uomo è il nemico naturale della donna.

Accettare l’anima misandrica, e sostanzialmente eugenetica, del femminismo è difficile ancora a molti, per il meccanismo suddetto della cooptazione graduale nell’apatia generale. Ma il quadro risulterà via via più chiaro a mano a mano che si faranno spazio negli ambiti educativi i concetti di violenza di genere (che risuona col concetto di violenza razziale, non vi pare?), di privilegio maschile, eccetera. Concetti per adesso mimetizzati in nebulose “iniziative di genere”.

Col tempo hanno dovuto prenderne atto illustrissime femministe d’oltreoceano, quali C. Hoffsommers, C. Paglia, J. Fiamengo. Un discernimento avvenuto tardi, non prima di aver adempiuto il loro servile compito. Servile senza accezioni dispregiative. Semplicemente i servi non hanno cognizione di causa. Ma gli ideologhi, sì.

Sono infatti le parole delle ideologhe del femminismo radicale che si fanno strada, attraverso media e accademia, fino a costruire la narrazione di iniziative istituzionali e di trattati internazionali quali la Convenzione di Istanbul.cdn.mg_.co_

Valerie Solanas è un nome che dirà poco a molti; a qualcuno ricorderà solo il tentativo di omicidio di Andy Warhol. Pochi la ricondurranno al manifesto SCUM (Society for Cutting Up Men), “società per fare fuori gli uomini”, manifesto che tutt’oggi fa proseliti.AndreaDworkin1986

E le affermazioni di Andrea Dworkin faranno alzare le sopracciglia con sufficienza e ironica accondiscendenza a molti; ma l’idea che “odiare il femminismo significa odiare le donne”, “che la differenza tra uomini e donne è che i primi commettono violenza e le seconde la subiscono”, “che la società non sarà libera finché non morirà la mascolinità”, eccetera, non sono esternazioni estemporanee; esse sono gli assi ideologici su cui si trasporta di generazione in generazione il femminismo.

Ideologhe che grazie agli “spazi sicuri” (“safe spaces”) quali gli Studi di Genere (Gender Studies), garantiti dallo status di vittima, continuano a fare nuovi proseliti della misandria.Julie-BIndel-01a

Così Julie Bindel, femminista radicale e lesbica, colonnista del giornale inglese The Guardian (testata ricca di spazi riservati al femminismo radicale), ed opinionista della BBC (testata giornalistica largamente presidiata dal femminismo britannico) si esprimeva il 29 Agosto 2015 (link1, link2), in preparazione del Collettivo Femminista Radicale del 2015, in risposta alla domanda se “l’eterosessualità sopravviverà alla liberazione delle donne?“:

No, a meno che gli uomini non agiscano coerentemente, gli si tolga il potere e quindi inizino a comportarsi bene. Intendo dire che li vorrei mettere tutti in una specie di campo dove possono girare in moto, bicicletta o furgoni bianchi. Darei loro una scelta di veicoli da poter guidare, niente porno, senza possibilità di fare a botte (ci sarebbero guardie, ovviamente). E le donne che volessero fare visita ai loro figli maschi o i loro amanti, avrebbero la possibilità di farlo, prenderli in consegna come dei libri in una libreria, e poi portarli indietro.

Io spero che l’eterosessualità non sopravviva, in effetti. Vorrei vedere una tregua all’eterosessualità. Un’amnistia fino a quando noi non ci saremo liberate. Perché sotto il patriarcato è una merda.

E mi sono rotta di sentire donne che dicono che i loro uomini sono a posto. Quegli uomini sono stati tirati su con i privilegi del patriarcato e sono compiacenti, non stanno impedendo agli altri uomini di essere merda.

Vorrei vedere una liberazione che porti le donne ad abbandonare gli uomini dicendo loro: quando tornerete come esseri umani, allora ci potremo rivedere.

Questo il 29 Agosto 2015. Cosa dicevamo sul razzismo?

Questo è il femminismo nel 2015. Tale è sempre stato. E tale sarà sempre.

The question Megyn Kelly will never pose to Hillary Clinton

Dear Kelly Megyn, I’ve just watched some excerpts of the GOP show. I’ve noticed you posed a question to Donald Trump, aimed at “validating” his stance towards women. Apparently there is a “war on women” in the US. If such war is in place, I wonder why the casualities are mostly males. But it is my fault, my lack of empathy.BbQrA8uCUAAMnIB

I’m not inferring you where trying to put Trump in bad light with a loaded politically correct question, at all. I’m sure you were just looking for the truth. And a good journalist MUST do harsh questions.

So, here I am to suggest you a question to raise to Hillary Clinton. Ideally just a few weeks before the elections.

And, no, it is not a question about the Benghazi scandal.

And, no, it is not about why she is now in favour of same-sex marriage while just a few years ago she was strongly against it (like Barack Messiah Obama, by the way).1101111107_400

Actually, this is the question you should pose:

Mrs Clinton, recently you stated that you consider “being a woman” a plus factor. A couple of years ago you sponsored and supported the UN initiative to forcibly circumcise African boys, a procedure that, reversing the sexes, would be considered a female genital mutilation. Also, you copyrighted the statement “women have always been the primary victims of wars”, despite men represent almost the totality of deaths in the military ranks and the overwhelming majority of deaths among civilans (you can check here to have some statistics on the death bill of the “peace” mission in Afghanistan). Mrs Clinton, can you give us a convincing statement that you value men’s lives as much as women’s? Thank you.

Dear Kelly, does it sound a too much loaded question?

No, it isn’t.

This would be a loaded question:

Mrs Clinton, why do you hate men?

Cheers.


EX-POST DISCLAIMER

I’m not a US citizen. And my lack of proficiency in English proves it.

If I were, I would definitely not vote for Trump. Even if I have a left leaning, in 2016 I would vote for Rand Paul the only candidate across the spectrum that could bring back some dignity to the US. Why am I saying this? Firstly, because I believe in intellectual honesty. Secondly, because I do not like sexist, lying warmongers; such as Hillary.

Intel 3DXPoint technology is sexist

And here it comes. Out of the blue, a breaktrough in technology. Intel accnounces the availability of 3DXPoint storage technology. A revolutionary tech with the potential to shuffle the SSD market, and likely to impact the DRAM market as well, in a few years.

What does that mean to you?

For you, high tech dude, it means high density, low latency response, non volatile memory.

For you, average pc-nerd out there, in 2016 it will be about time to get rid of your “high speed” SSD you just bought.

For you, average gamer, games will run smoother, and objectifying women will be an even more satisfying experience.

For us, porn addicts, no more frame lags during the ….crucial moments.

But there’s more, much more. Intel has just launched an initiative that will project the horizons of the PC business, even further. In the hyperspace.

Take a deeeep breath…here it comes:

Intel Corporation is taking a praiseworthy step towards hiring more women, minorities or veterans by giving a double referral bonus to employees who refer new hires in these categories

Praiseworthy! Praiseworthy? Only praiseworthy? This is awesome. Wow!

Once, it used to be “women and children”, but saddly the Silicon Valley still does not allow children to put their precious hands (and brains) on 10 nanometers technologies. So, for now, it’s “women and minorities” …and veterans.

We understand that women account for 51,8 % of population, definitely a minority. And women deserve a special treatment, far more than those sent to kill and die for their country. We all know women kill themselves at much higher rate than men, especially male veterans. But, personally, I’ve have just a little trouble in understanding how a minority made of, let’s say, 5% or 10% can compete against a minority of 51,8 %; leave alone the few thousands of veterans who will have to run (sometimes without legs) for a job against a minority made of millions of people. Also, is the bonus cumulative? I mean, if my referral leads to hire a veteran black woman, will I get a 6x bonus?

Well, it’s my fault. After all I’m just an high-tech engineer, and I have also a tedious androcentric attitude: to teach Mathematics.

Good job, good job. Universities have taken every step to make men unemployable. It was about time that society took further steps in reducing the addressable job market in hi-tech.

It’s He4She, after all.

Let’s face it; 3DXPoint is just crap, the real innvoation is “diversity”.

Praiseworthy, definitely.

Partito Democratico

L’assemblea del gruppo del Pd ha già deliberato di sostituire chi in Commissione non vota il mandato al relatore sull’Italicum

ha detto il vicepresidente vicario del gruppo Pd, Ettore Rosato, un renziano.

Non ci sono altre decisioni da assumere. Stasera all’ufficio di presidenza della Commissione e prima dell’inizio delle votazioni sugli emendamenti saranno comunicati coloro che sostituiranno i componenti rimossi, che dovrebbero essere una decina

ha aggiunto il deputato.

Il governo conta di approvare entro maggio la nuova legge elettorale che riconosce un premio di maggioranza alla Camera alla lista che arriva prima al primo turno con almeno il 40% dei voti oppure al ballottaggio.

In parallelo il Parlamento sta esaminando una modifica della Costituzione per ridurre il Senato nel numero di componenti e nelle funzioni, privandolo della possibilità di votare la fiducia al governo. L’obiettivo congiunto è di rendere più efficiente e snello il processo legislativo e garantire governi più stabili.

Così riporta oggi l’agenzia Reuters.


Questo è il PD. Rimuovere chi dissente, quanta democrazia, non vi pare?

L’Italicum è un treno che deve partire senza soste. Niente dissenso.

Il Senato ostacola…., via la “fiducia”!

Quote di genere, e chi se ne frega (“me ne frego” diceva qualcuno) se sono incostituzionali perché violano il diritto di voto e di associazione partitica. ‘Sti cavoli della Costituzione, se ci gira aboliamo pure la Corte Costituzionale, rallenta il processo legislativo.

Prendi il 40% dei voti? Super premio di maggioranza! D’altronde, alla buon’anima, bastava il 25% di quorum per avere la maggioranza. Poveri idioti, mica crederete che un sistema democratico debba rispettare e tutelare le minoranze, vero? Non capite nulla. Se prendi pochi voti, nel Parlamento proprio non ci devi stare, altrimenti rallenti…impedisci…ostacoli….

Obama comanda (o chi per lui) e Renzie esegue. E vedrete che diventeremo tutti più americani. E ci passerà la voglia di andare a votare, proprio come agli americani. E’ il bipolarismo bellezza.

E già che siamo in ballo con l’Italicum, mi permetto un suggerimento, un nuovo nome per il Consiglio dei Ministri: Il Gran Consiglio, bello no? Lo so, l’idea non è originalissima.Gran_Consiglio_Fascismo

Cari Democratici, è proprio il caso di aprire un confronto a Sinistra. E per iniziare fate una bella cosa, sputate contro vento.

Cari Italioti, 80 Euro valete, non di più.

Putin, un leader di altri tempi

Qui sotto 4 ore non-stop di domande e risposte tra Putin e il popolo Russo (in inglese). Non una messa in scena. Non lo show di Obama, con pubblico osannante il suo Messia; non applausi, battute e sorrisi sguaiati. Un discorso tra persone serie, tra un popolo serio e un leader serio, un uomo di altri tempi.

Ma non vi voglio annoiare con i punti salienti del suo discorso, come quando chiarisce che gli USA non vogliono alleati o partner ma vassalli, come l’Italia, per intenderci.

Ascoltare queste 4 ore di di battito, mi ha fatto rivivere una sensazione ormai persa, quella di ascoltare un leader politico affrontare temi di interesse generale senza avere la netta sensazione di essere considerato un utile idiota oggetto di esperimenti di psicologia sociale.

E se mai avessi avuto dubbi sulla correttezza etica di Putin, me li sono tolti dopo 3 ore e 50 minuti quando ha affrontato il tema dell’innalzamento dell’età pensionistica, affermando che:

è impensabile alzare l’età pensionabile subito a 65 anni, perchè sebbene l’aspettativa di vita femminile in Russia sia di 77 anni, quella degli uomini è di 65,5 anni, e l’innalzamento significherebbe far passare direttamente gli uomini dalla fabbrica alla tomba

Ve lo immaginate un politico genderista nostrano difendere una posizione del genere?

Ma da noi vige il mantra della Santa Vagina.

Godetevi Renzie.