E ben venga l’utero in affitto

o no?

Osservo con curiosità, la levata di scudi per il materializzarsi dello spettro dell’utero in affitto, cioè la “mamma surrogata” come si suol dire, come conseguenza della possibile legalizzazione della famiglia omosex; non coppia omosessuale ma genitorialità omosessuale.

Cos’è? Adesso non vi piace il femminismo? Quando demolisce per 4 decenni la figura paterna, tutto tace però, vero?

Eh, ma la mamma è sempre la mamma. Sarà, ma per qualcuno è retaggio antropologico.

E allora ben venga la madre surrogata, pardon, l’utero in affitto. E sia benedetta la Step Child Adoption, pardon, il padre in affitto.

Cos’è questa cagnara? Silenzio, please.

Se va bene la banca del seme allora ben venga la banca dell’utero!

Tacete quindi, il progresso esige il silenzio.

 

UN Insanity and feminist “Food Tank”

Quote:

“Women are the priority. The majority of smallholder farmers in Africa are women and, in urban areas, you’re primarily looking at women-led households. So we can’t solve hunger if we don’t have gender-sensitive programming that addresses access to opportunities for women, whether it’s through education or tools for cooking, like solar-powered stoves,” says Ertharin Cousin, executive director of the U.N. World Food Programme.

As the impacts of climate change become more evident, the world will need to invest in more effective strategies to alleviate hunger and poverty. That means standing with our mothers, grandmothers, and sisters who are farming, as well as giving women farmers the resources they need to nourish both people and the planet.

Yes, you need to stand with your mothers, grandmothers and sisters who farm.

Then do me a favour. Leave your comfortable air-conditioned room and unplug the power-angry PC. Climate change will benefit.

And start farming.

Yes, stand with your mothers, grandmothers and sisters, even if you have never seen them. Sisterhood is global.

Io non sono #He4She

Ho appena degustato lo spot RAI in cui testimonial (tutti maschili) dello sport e dello spettacolo dichiarano la loro vocazione morale:

Io sono He For She

Che in Italiano significa

Io sono Lui per Lei

Per combattere le discriminazioni di genere, forma linguistica “neutra” per dire che gli uomini (e solo gli uomini) discriminano (negativamente) le donne. E d’altronde il video è chiaro nel messaggio, e lo slogan dice tutto: “He for She”.

La forma linguistica è falsamente piacevolmente neutra ma in realtà è ipocritamente inclusiva, per attirare gli uomini, quelli buoni ovviamente, nella trappola della cooptazione per buona fede. Un’invito a cena per tutti gli uomini, senza comunicare loro che non sono dei graditi ospiti; semmai la portata principale del pasto.

He for She, slogan inglese perché coniato da UN Women (United Nation Donne) perché ovviamente per l’ONU tutti sono uguali, alcune più uguali.

He4She un hashtag lanciato a Settembre del 2014 con un testimonial d’eccezione, Emma Watson (nota come Ermione nella serie Harry Potter), notoriamente un’altra oppressa.hermione

Dedicai alla sua performance Internazionale all’ONU un articolo in inglese “Dear Hermione“, per chi mastica un po’ d’inglese.

Il messaggio è chiaro, per chi vuole ascoltare; gli uomini sono responsabili (collettivamente) di tutti i problemi, inclusi i propri, ed individualmente devono impegnarsi per cambiare. Come? Lui per Lei.

 Citerò solo un passaggio

I want men to take up this mantle. So their daughters, sisters and mothers can be free from prejudice but also so that their sons have permission to be vulnerable and human too – reclaim those parts of themselves they abandoned and in doing so be a more true and complete version of themselves.

che traduco per voi

Io voglio che gli uomini vestano questo mantello. Così che le loro figlie, sorelle e madri possano essere libere dal pregiudizio, e anche i loro figli possano essere vulnerabili e umani, reclamando quelle parti di se stessi che hanno abbandonato e così facendo, materializzare una versione più completa di se stessi.

Chiaro il messaggio no? Cari uomini, così come siete non siete solo un problema per la società.

Siete incompleti e non umani.

Per il 2016 fate la vostra New Year Proposition. Io faccio la mia.

Io sono “He for He, “lui per lui”.

Why #feminism loves radical #Islam

I find often hilarious reading, or listening, debates about the supposed contradictions in feminism when dealing with Islam.

How can feminists attack the evil white heterosexual male of the “western” world, while conceding a trump card to the rigid androcentric set-up of the Islamic religion and relevant societies?

Let alone the radical Islam and the implied misogynistic view of women?

The seemingly contraddiction stems from a superficial understanding of feminism.

What critics of feminism fail to get, yet, is that feminism has achieved the status of a criminal organization based on the incremental absorption (and abuse) of power, by accurate manipulation of human social psychology.

Who hasn’t eared a feminist evoking the spectre of the sharia law, to warn everyone in the “western” world about the danger of turning back the (feminist) clock of history?

Women would be chattels in the patriarchal world designed by men in the “First” world, pretty much as women are forced into burkas by radical Islam.

muslim-womanSound familiar, doesn’t it? And sometimes it works with ingenuous folks.

The power of such position relies on “victimhood by association”. Women are, as a class, victims of the oppressors, men as a class. So men inherit the oppressor status despite cultures, religious beliefs and geographical differences; the same, in the opposite direction, applies to women.

So you may wonder: if feminists care about women and hence about Muslim women, why don’t they condemn firmly Islam?

If you pose yourself this question, you bought, at least partially, the propaganda according to which feminism cares about the “rights and dignity of women”. Feminism cares about women, pretty much as politicians care about their voters. Feminists care about power, and men in the “first” world are the obstacle on their way. Women just represent the consensus basis to consolidate and to mobilize against the enemy.

Feminists can’t condemn radical Islam, for two very simple (and coherent) reasons, stemming from the “gender as a class” paradigm. It has nothing to deal with “double standards” or hypocrisy.

Firstly. They simply can’t condemn Islam, even if inclined to, because doing so they would put a spotlight on the differences among women living in different cultures; thus, tearing down the concept of women as a monolithic class of oppressed beings. Women in the “western” world dress burkas, get it. Indeed, if you carefully analyse the feminist usage of “sharia” victim card, you’ll notice that it isn’t brought up to draw a separation line between women’s status in the “western” world and those under sharia, but to build a bridge between the latter ones and first world grandmothers. The condition of women under radical Islam has nothing to deal with religion, but with lack of feminist enlightenment. Deal with it

Secondly. They can’t stress out men’s misogynistic attitudes under radical Islam otherwise they would downplay the evil implications of first world men’s attitudes, such peeing while standing, staring at women, catcalling and manspreading. Men are an oppressor class, and our grandfathers forced women in burkas as well. Nowaday we don’t thanks to feminism. Feminists, simply put, do not see differences among men; they only see different stages of oppression when male attitudes are not properly confined.

Condemning radical Islam, in essence, would undermine the very pillars of feminism. If feminism accepted just for a second that the status of people is pretty much situational, it would open the door to the possibility that women in the first world (in comparative terms with men) are not oppressed and maybe they have never been. And that men are not oppressors. And that maybe women not only are not oppressed, but they are, as a whole, a priviledged demographic. This is not simply conceivable.

sinRemember this.

Maleness is the original sin, and the sin can’t be extinguished until its very root perishes.

The only fair share of power feminism conceives, it is the absolute power.

Una “soluzione finale” per il maschio

Ho sempre avuto una sincera antipatia per il termine Nazifemminismo, perché tale termine rende suscettibile il merito della discussione alla tattica della derisione per delegittimare l’interlocutore. Il termine, però, è tutt’altro che inappropriato. I paralleli sono tanti, ma non mi dilungherò in tale dissertazione e mi limiterò ad enuclearne uno, la matrice identitaria.

Come il nazismo ha sviluppato la propria matrice identitaria attorno al profilo etnico di razza “ariana” al fine di poter legittimare il nemico da eliminare, così il femminismo ha sviluppato la propria vocazione identitaria attorno al profilo genetico di una razza femminile onde poter definire i contorni del suo naturale nemico, la razza maschile.

La storia ce lo insegna; l’identità di gruppo si sviluppa senza particolari artifici per via di meccanismi sociali naturali; l’embrione è sempre lo stesso: nuclei minoritari che fanno leva sul proprio status di vittima per evadere il giudizio morale, lo scrutinio intellettuale e talvolta anche la legge. Nell’apatia di una maggioranza disaggregata, disinteressata e non contrapposta, questi nuclei crescono per cooptazione; è una crescita disorganica, in cui le istanze rivendicative cambiano pur di assecondare i nuovi gruppi demografici cooptati, fino a quando la minoranza muta in una difforme e incoerente maggioranza. Un gruppo il cui unico collante è la presenza di un nemico da abbattere.A-womens-liberation-demon-009

E’ un meccanismo sociale noto, e si basa sulla fomentazione continua della paura.

E’ così che il femminismo cambiava le sue pelli, muovendosi da istanze iniziali di autodeterminazione femminile, per poi teorizzare sovrastruture, fino a fagocitare al suo interno le istanze delle minoranze più disparate (omosessuali, trans, minoranze etniche), incurante delle contraddizioni che assorbiva ed alimentava. Tutto pur di poter profilare e rendere minoranza il suo nemico di sempre; il maschio, bianco ed eterosessuale. L’emblema, nella paranoica visione femminista della società, del potere.

Potere, potere, null’altro che potere. Al femminismo della donna non importa nulla; non è mai importato nulla.

Diana Russell coniava (o quantomeno sviluppava) il concetto di femminicidio, alcuni decenni fa; un concetto razzista, secondo cui le donne sono uccise dagli uomini in quanto donne. Un concetto osceno che ovviamente abbiamo preso ed adottato, grazie al meccanismo della “cooptazione in apatia”. La stessa Russell aveva le idee chiare da quel dì; il femminicidio non serviva a combattere la violenza sulle donne (lei stessa aveva osservato che i delitti sulle donne erano aumentati in concomitanza con lo sviluppo del femminismo). Per lei affermare il concetto di femminicdio era, ed è, uno strumento puramente politico per affermare il teorema dell’odio di genere: l’uomo esercita violenza sulla donna, in quanto donna; in sostanza l’uomo è il nemico naturale della donna.

Accettare l’anima misandrica, e sostanzialmente eugenetica, del femminismo è difficile ancora a molti, per il meccanismo suddetto della cooptazione graduale nell’apatia generale. Ma il quadro risulterà via via più chiaro a mano a mano che si faranno spazio negli ambiti educativi i concetti di violenza di genere (che risuona col concetto di violenza razziale, non vi pare?), di privilegio maschile, eccetera. Concetti per adesso mimetizzati in nebulose “iniziative di genere”.

Col tempo hanno dovuto prenderne atto illustrissime femministe d’oltreoceano, quali C. Hoffsommers, C. Paglia, J. Fiamengo. Un discernimento avvenuto tardi, non prima di aver adempiuto il loro servile compito. Servile senza accezioni dispregiative. Semplicemente i servi non hanno cognizione di causa. Ma gli ideologhi, sì.

Sono infatti le parole delle ideologhe del femminismo radicale che si fanno strada, attraverso media e accademia, fino a costruire la narrazione di iniziative istituzionali e di trattati internazionali quali la Convenzione di Istanbul.cdn.mg_.co_

Valerie Solanas è un nome che dirà poco a molti; a qualcuno ricorderà solo il tentativo di omicidio di Andy Warhol. Pochi la ricondurranno al manifesto SCUM (Society for Cutting Up Men), “società per fare fuori gli uomini”, manifesto che tutt’oggi fa proseliti.AndreaDworkin1986

E le affermazioni di Andrea Dworkin faranno alzare le sopracciglia con sufficienza e ironica accondiscendenza a molti; ma l’idea che “odiare il femminismo significa odiare le donne”, “che la differenza tra uomini e donne è che i primi commettono violenza e le seconde la subiscono”, “che la società non sarà libera finché non morirà la mascolinità”, eccetera, non sono esternazioni estemporanee; esse sono gli assi ideologici su cui si trasporta di generazione in generazione il femminismo.

Ideologhe che grazie agli “spazi sicuri” (“safe spaces”) quali gli Studi di Genere (Gender Studies), garantiti dallo status di vittima, continuano a fare nuovi proseliti della misandria.Julie-BIndel-01a

Così Julie Bindel, femminista radicale e lesbica, colonnista del giornale inglese The Guardian (testata ricca di spazi riservati al femminismo radicale), ed opinionista della BBC (testata giornalistica largamente presidiata dal femminismo britannico) si esprimeva il 29 Agosto 2015 (link1, link2), in preparazione del Collettivo Femminista Radicale del 2015, in risposta alla domanda se “l’eterosessualità sopravviverà alla liberazione delle donne?“:

No, a meno che gli uomini non agiscano coerentemente, gli si tolga il potere e quindi inizino a comportarsi bene. Intendo dire che li vorrei mettere tutti in una specie di campo dove possono girare in moto, bicicletta o furgoni bianchi. Darei loro una scelta di veicoli da poter guidare, niente porno, senza possibilità di fare a botte (ci sarebbero guardie, ovviamente). E le donne che volessero fare visita ai loro figli maschi o i loro amanti, avrebbero la possibilità di farlo, prenderli in consegna come dei libri in una libreria, e poi portarli indietro.

Io spero che l’eterosessualità non sopravviva, in effetti. Vorrei vedere una tregua all’eterosessualità. Un’amnistia fino a quando noi non ci saremo liberate. Perché sotto il patriarcato è una merda.

E mi sono rotta di sentire donne che dicono che i loro uomini sono a posto. Quegli uomini sono stati tirati su con i privilegi del patriarcato e sono compiacenti, non stanno impedendo agli altri uomini di essere merda.

Vorrei vedere una liberazione che porti le donne ad abbandonare gli uomini dicendo loro: quando tornerete come esseri umani, allora ci potremo rivedere.

Questo il 29 Agosto 2015. Cosa dicevamo sul razzismo?

Questo è il femminismo nel 2015. Tale è sempre stato. E tale sarà sempre.

Partito Democratico

L’assemblea del gruppo del Pd ha già deliberato di sostituire chi in Commissione non vota il mandato al relatore sull’Italicum

ha detto il vicepresidente vicario del gruppo Pd, Ettore Rosato, un renziano.

Non ci sono altre decisioni da assumere. Stasera all’ufficio di presidenza della Commissione e prima dell’inizio delle votazioni sugli emendamenti saranno comunicati coloro che sostituiranno i componenti rimossi, che dovrebbero essere una decina

ha aggiunto il deputato.

Il governo conta di approvare entro maggio la nuova legge elettorale che riconosce un premio di maggioranza alla Camera alla lista che arriva prima al primo turno con almeno il 40% dei voti oppure al ballottaggio.

In parallelo il Parlamento sta esaminando una modifica della Costituzione per ridurre il Senato nel numero di componenti e nelle funzioni, privandolo della possibilità di votare la fiducia al governo. L’obiettivo congiunto è di rendere più efficiente e snello il processo legislativo e garantire governi più stabili.

Così riporta oggi l’agenzia Reuters.


Questo è il PD. Rimuovere chi dissente, quanta democrazia, non vi pare?

L’Italicum è un treno che deve partire senza soste. Niente dissenso.

Il Senato ostacola…., via la “fiducia”!

Quote di genere, e chi se ne frega (“me ne frego” diceva qualcuno) se sono incostituzionali perché violano il diritto di voto e di associazione partitica. ‘Sti cavoli della Costituzione, se ci gira aboliamo pure la Corte Costituzionale, rallenta il processo legislativo.

Prendi il 40% dei voti? Super premio di maggioranza! D’altronde, alla buon’anima, bastava il 25% di quorum per avere la maggioranza. Poveri idioti, mica crederete che un sistema democratico debba rispettare e tutelare le minoranze, vero? Non capite nulla. Se prendi pochi voti, nel Parlamento proprio non ci devi stare, altrimenti rallenti…impedisci…ostacoli….

Obama comanda (o chi per lui) e Renzie esegue. E vedrete che diventeremo tutti più americani. E ci passerà la voglia di andare a votare, proprio come agli americani. E’ il bipolarismo bellezza.

E già che siamo in ballo con l’Italicum, mi permetto un suggerimento, un nuovo nome per il Consiglio dei Ministri: Il Gran Consiglio, bello no? Lo so, l’idea non è originalissima.Gran_Consiglio_Fascismo

Cari Democratici, è proprio il caso di aprire un confronto a Sinistra. E per iniziare fate una bella cosa, sputate contro vento.

Cari Italioti, 80 Euro valete, non di più.

Putin, un leader di altri tempi

Qui sotto 4 ore non-stop di domande e risposte tra Putin e il popolo Russo (in inglese). Non una messa in scena. Non lo show di Obama, con pubblico osannante il suo Messia; non applausi, battute e sorrisi sguaiati. Un discorso tra persone serie, tra un popolo serio e un leader serio, un uomo di altri tempi.

Ma non vi voglio annoiare con i punti salienti del suo discorso, come quando chiarisce che gli USA non vogliono alleati o partner ma vassalli, come l’Italia, per intenderci.

Ascoltare queste 4 ore di di battito, mi ha fatto rivivere una sensazione ormai persa, quella di ascoltare un leader politico affrontare temi di interesse generale senza avere la netta sensazione di essere considerato un utile idiota oggetto di esperimenti di psicologia sociale.

E se mai avessi avuto dubbi sulla correttezza etica di Putin, me li sono tolti dopo 3 ore e 50 minuti quando ha affrontato il tema dell’innalzamento dell’età pensionistica, affermando che:

è impensabile alzare l’età pensionabile subito a 65 anni, perchè sebbene l’aspettativa di vita femminile in Russia sia di 77 anni, quella degli uomini è di 65,5 anni, e l’innalzamento significherebbe far passare direttamente gli uomini dalla fabbrica alla tomba

Ve lo immaginate un politico genderista nostrano difendere una posizione del genere?

Ma da noi vige il mantra della Santa Vagina.

Godetevi Renzie.

Il gioco del rispetto di Trieste

.. ma il rispetto non è un gioco. Con tutto il rispetto. Il programma Gender, o meglio l’Ideologia Gender, si diffonde in Italia. Chiariamo subito che non si realizza per “apparizione divina” ma per preciso mandato del femminismo radicale, ormai a presidio stabile delle varie commissioni delle donne e delle pari opportunità, a livello Italiano, Europeo ed Internazionale (ONU).

L’iniziativa, l’ennesima dopo quella di Roma e Venezia (e altre che non ricordo), ha suscitato scalpore per i suoi supposti contenuti impropri; qualcuno vi ha intravisto travestimenti, qualcuno delle toccatine. Sicuramente non avverrà nulla di tutto ciò, ma che volete, probabilmente i timori sono nati dalla consapevolezza di cosa questi programmi hanno previsto in altri Paesi, quali la Svezia dove l’illuminata visione del femminismo scandinavo è arrivata a mettere in dubbio la necessità dei maschietti di fare la pipì in piedi (no, non è una bufala).

giocodelrispettoStante l’accoglienza un po’ freddina da parte dell’opinione pubblica, il comune di Trieste si è premurato di fornire, tramite la sua Vicesindaca, un opportuno chiarimento, che riporto e commento di seguito:

Il Gioco del rispetto è un insieme di proposte di gioco per i bambini e le bambine delle scuole dell’infanzia, studiato per trasmettere loro il concetto dell’uguaglianza tra uomini e donne, così come sancito dalla Costituzione Italiana. Attraverso il gioco, i bambini e le bambine apprenderanno che possono e devono avere gli stessi diritti di scegliere in futuro la professione che li realizzerà, così come da piccoli scelgono i giochi da fare a casa.

Mi permettano un appunto, eminentissimi. La costituzione sancisce l’uguaglianza di tutte le persone di fronte alla legge, e non ha nulla a che vedere con l’uguaglianza tra le persone. Valore alto quest’ultimo che comunque va intesto come uguaglianza morale, giacché siamo tutti diversi, fisicamente intellettualmente, economicamente, eccetera. E’ così complicato da capire o l’intento era farsi scudo della Costituzione? Sono io maligno, o voi maldestri?

L’obiettivo del Gioco del rispetto è di trasmettere il valore delle pari opportunità di realizzazione dei loro sogni personali, sia che siano maschi, sia che siano femmine.
Il Gioco del rispetto lavora per l’abbattimento di tutti quegli stereotipi sociali che imprigionano maschi e femmine in ruoli che nulla hanno a che vedere con la loro natura.

Ah, gli stereotipi! Siamo alla caccia ai fantasmi. Capisco male o stiamo dicendo che dobbiamo combattere le opinioni che dei bambini non si sono ancora fatti? Capisco male o stiamo dicendo che esistono opinioni eticamente approvate ed altre che vanno combattute? Siamo in uno stato etico? E perché intervenire su dei bambini? Forse perché è meglio farlo prima che la famiglia faccia danni o semplicemente la natura faccia il suo corso?

Ad esempio, si mette in discussione lo stereotipo per cui i padri debbano essere dediti soltanto al lavoro e possano dedicare solo pochi minuti al giorno ai loro figli, così come le madri non siano in grado di ricoprire posizioni di responsabilità all’interno delle aziende.

Sicuri che esiste uno stereotipo secondo cui gli uomini non possono spendere tempo con i figli? Non sarà forse che i genitori si organizzano secondo necessità e possibilità naturali e necessità economiche? Esiste lo stereotipo per cui le donne non possono ricoprire responsabilità all’interno delle aziende? Forse nelle vostre teste. Semmai esiste lo stereotipo secondo cui una donna non può fare il muratore, il carpentiere, il minatore, il trattorista, il raccoglitore di angurie. Diciamocelo, più che di “uguaglianza” sembra che si parli di “empowerment” femminile. Dai su, siamo onesti!

L’obiettivo è quindi quello di riequilibrare quella disparità tra uomini e donne che tanti danni sta oggi creando alla nostra società, sia dal punto di vista culturale e sociale, sia dal punto di vista economico, fino a sfociare in episodi di violenza di vario tipo.

Di quali disparità stiamo parlando, si potrebbe essere più precisi? Forse del 95% di dominazione maschile nelle morti sul lavoro? O l’87% nei senza tetto. O stiamo parlando del sistema pensionistico? Oppure nel sistema sanitario? Oppure delle separazioni? E di quali danni parliamo? Ah, il famoso enorme divario salariale, l’ingiustificabile 5% in più. Ah, no, ecco, alla fine è chiaro, parliamo di violenza. Ma non starete mica dicendo che andate tra i bambini a fare opera di prevenzione della violenza? Ma sicuramente mi sbaglio nel pensare che andate nelle scuole per rieducare preventivamente i maschietti perché poi non compiano violenza sulle donne (perché è noto che la violenza è compiuta solo dai maschietti e soprattutto sulle donne, ed è una violenza sulle donne in quanto donne). Ma ovviamente questo è un pensiero mio, paranoico senza fondamento. Come farò a vederci questa interpretazione in questo innocentissimo comunicato? Mah!

Il Gioco del rispetto è un progetto frutto di mesi di lavoro che ha anche valenza scientifica, soprattutto per l’attenzione alla misurazione dei risultati.

Vabbé, insomma, i bambini sono cavie da laboratorio di psicologia.

Quanto sopra per quanto riguarda il “comunicato”. Insomma c’è da fidarsi, no? In ogni caso, per pura curiosità, ho dato una scorsa all’opuscolo informativo. Non che non mi fidi del comunicato, ma è che sono come San Tommaso.Le_Caravage_-_L'incrédulité_de_Saint_Thomas

Il primo capoverso dell’opuscolo informativo recita:

Il Comune di Trieste ha promosso la diffusione di alcune azioni previste dalla Convenzione di Istanbul in tema di formazione contro le discriminazioni e la violenza sulle donne,..

che strano eh? Ritorna la Violenza sulle Donne, e la bellissima Convenzione di Istanbul, quella che definisce la violenza di genere come la sola violenza da parte del maschio sulla femmina e che afferma che “gli uomini hanno storicamente usato la violenza per discriminare le donne e porle in una condizione di inferiorità sociale”.

Che strano, eppure mi pareva che nel comunicato si parlasse di innocentissimi stereotipi, che nuocciono tanto a lui quanto a lei, e di papà che non possono stare vicini ai propri bambini, gli stessi papà che nella Convenzione di Istanbul sono profilati come il seme della violenza domestica. Bah, mi sarò sbagliato…

E chiosa infine tale opuscolo:

i cui contenuti  [del Kit di gioco] sono stati curati da uno staff scientifico composto da D. P., insegnante della scuola dell’infanzia, e L. B., psicologa. Entrambe si occupano da anni di progetti di ricerca e di formazione sul tema della violenza contro le donne.

Oh perbacco! Il team di ricerca è composto da due donne (eh, quando si dicono gli stereotipi) che si occupano di, guarda caso, di violenza contro le donne.

Si fa presto a dire stereotipi.

Vedete, l’idea che nella scuola, in cui la presenza docente maschile è irrisoria e nulla nella scuola dell’infanzia, si entri con programmi di evidente matrice femminista, orientati a plagiare le menti dei ragazzi, fuori del controllo dei genitori, con lo scopo di motivare al successo le bambine e ridurre le potenzialità violente dei bambini, a casa mia si chiama misandria.

Il fatto poi, che si cerchi di coprire il tutto col velo della manipolazione del linguaggio e dei termini, sempre a casa mia, si chiama presa per il c…. per i fondelli.

Cara Trieste, ci vuole rispetto, per i bambini sicuramente, ma anche per l’intelligenza umana.

Misteri di “genere”

Ebbene sì, siamo quasi alla vigilia del “mimosicidio”. Ennesimo giro di boa e sarà ennesimo delirio “di genere”.

“Genere”, una parola un mistero. Sinonimo di “sesso”, uomo o donna, quando fa comodo ovviamente, per parlare della differenza salariale media tra uomini e donne, il “gender gap”. Meno comoda la parola quando si dovrebbe parlare di “education gap”, di morti sul lavoro, di suicidi, di divorzi, di senza-tetto, eccetera eccetera.

Sì, una parola strana, questo “genere”. Una parola che da sinonimo di sesso, può divenire sinonimo di uno specifico sesso, quello maschile, quando si parla di violenza di genere. Che strana parola, davvero. Sinonimo sia del concetto di sesso che di una sua istanza. Come dire che la “tinta” indica il concetto di “colore” ma significa anche il “blu”. Mah!

E la stessa parola, come per magia, può anche perdere completamente significato, quando il significato binario uomo/donna diviene troppo stretto; e sì, perché allora i generi si moltiplicano, 4, 5, 6, 30. Ma i sessi no, loro rimangono in due.

Il genere sinonimo del sesso, di un sesso, o di nessun sesso. Uno e trino.

Mistero.

Perché questo genere, è impalpabile, come l’aria, c’è ma non si vede. Ma l’aria la senti quando tira vento, quando sferza la tramontana, eccome se la senti. E così pure il genere, c’è e non c’è. Dipende. E come l’aria, non lo vedi ma lo respiri. Hai voglia a trattenere il fiato, prima o poi prendi fiato e te fai una bella boccata.

Che poi daje e daje, dà alla testa questo genere. E sì, altrimenti non si spiega…MisteroRookford

Non si spiega cosa, direte voi? Beh, forse è colpa mia, lacune di genere ovviamente, ma io ‘ste donne non le capisco proprio.

Le vedi un giorno sì e l’altro pure, a lamentarsi dell’oziosità degli uomini ad adempiere i compiti domestici, eppure disperate di trovarne uno per tutta la vita.

A sfilare la mattina con le scarpette rosse tirate a lucido per scongiurare la violenza “maschile”, e la sera in discoteca a cercare il carnefice.

A urlare la propria libertà di costumi, e poi inveire contro l’oggettificazione.

A inveire contro gli stereotipi delle favole, e a cercare per una vita il principe azzurrro.

A richiedere una paternità più attiva, e a buttar fuori i padri come fossero immondizia.

A rivendicare la supremazia accademica, e a lamentarsi di non trovare compagni adeguatamente acculturati.

A cercare il buon partito all’ultimo scoccare dell’orologio biologico, e non trovarlo…perché da tempo che è partito.

Misteri.