Una guerra di menzogne

Li chiamavamo terroristi, poi esercito di terroristi. Prima erano pochi tagliatori di teste, l’emersione della bestialità covata nella culla dell’islamismo radicale; poi sono divenuti sempre di più, decine se non centinaia di migliaia.

Un po’ troppo numerosi per rientrare nel rango della categoria del semplice terrore. Sono divenuti così “esercito del terrore”, un linguaggio che ricorda “gli stati canaglia” di J.W.Bush; tutto, pur di non riconoscere ai facinorosi il rango di semplice esercito. Perché un’esercito ha un disegno politico e il progetto di uno stato futuro.

Non è solo questione di “termini”, ma di “sostanza”. Al terrorista non viene concessa la legittimità politica, all’esercito sì. Il militare ha valore, il terrorista è senza onore. Il militare lotta per il proprio popolo, il terrorista non ha un popolo.

Sono arrivate così le stragi, previste da molti, desiderate da alcuni. Stragi criminali e vigliacche, sia chiaro, terrorismo, perché finalizzate proprio a portare il terrore tra la popolazione civile. Stragi con rivendicazioni riconducibili all’intervento della Francia in Iraq e Siria. Interventi armati mirati, quelli Francesi, per combattere il terrorismo, ovviamente. “Azioni militari chirurgiche”, tutt’altra cosa dal “terrorismo”.

Azioni, le nostre, quelle democratiche, che ovviamente sono legittime e che non causano stragi di civili, e di bambini. Infatti gli unici a parlare di strage di bambini nel medio oriente sono i terroristi dell’IS; ma le loro parole non contano, sono terroristi.

Con i terroristi non si parla, tanto meno si negozia.

Loro schiavizzano le donne, e guai a negarlo; da noi le donne si trattano bene. Altro che schiave del sesso, noi le facciamo rientrare dalla Siria con voli di Stato. Altro che cammelli, noi paghiamo in Euro, milioni di Euro. Sai quanti Kalasnicov ci compri con 14 milioni di Euro? Migliaia.

E così la Francia è in guerra contro un esercito, un esercito di terroristi ovviamente. E la nazione celebra lo stato di emergenza. E noi Italiani con loro, per solidarietà Europea. Emergenza solidale per adesso, forse guerra solidale.

“Abbiamo avuto il nostro 11 Settembre”, strillano i cani da compagnia della classe politica. I servi dei media strillano prima ancora dei loro padroni. Tanta voglia di guerra, perché la guerra tira come nient’altro.

Vogliamo anche noi i nostri video di bombardamenti all’infrarosso. Inquadratura dall’alto in bianco e nero, con l’ogiva che scende e … “booom”, tutto si illumina di colpo, con la luce della democrazia. Niente sangue, niente audio, lo spazio è lasciato all’immaginazione. Sotto le macerie solo terroristi mozzateste. Niente uomini, niente donne e niente bambini, ovviamente. Sono bombe intelligenti.

Sconfiggere il terrorismo dove esso si trova, in Siria. E rimuovere Al-Assad, s’intende, l’unico che la guerra ce l’ha dentro casa sua da 2 anni. Un esercito, pardon, dei terroristi, che muovono dall’Iraq ma che improvvisamente divengono siriani. Natalità incerta? Eppure il test del DNA parla americano, ce l’ha detto pure McCain. Tanto di foto abbiamo. Ma no, mai e poi mai nominare gli USA, guidati da un Premio Nobel per la Pace, niente di meno; loro hanno liberato l’Iraq da Saddam e dalle sue armi di distruzione di massa, portando democrazia e stabilità. Un “format” occidentale così popolare che pure Libia ed Egitto hanno voluto importarlo. E tutto grazie al “loro” 11 Settembre.

Tutti uniti. Dobbiamo difendere la nostra libertà da chi ce la vuole togliere. Difenderla mettendola in carcere, si capisce. Guai a legittimare il terrorismo, guai a parlare di motivazioni dei facinorosi, e del come siamo arrivati qui.

La libertà d’opinione si ferma davanti alle stragi. Anzi, neanche parte.

No, noi non stiamo conquistando il medio-oriente.

No, noi non siamo in guerra contro un esercito.

Anzi, noi non siamo in guerra.

E no, noi non raccontiamo menzogne.

Annunci

The 2015 State of The Union speech, explained to the average US citizen, by an Italian

Yes, as strange as it might seem to you, only a foreign person, even with a bad English, can explain this speech to you. In science, it is a well-known principle; to observe a system, you have to be outside the system. But let us not digress.

obama-state-of-the-union

Do not worry, it won’t take long, I will not dissect the entire speech, step by step; I will just pick here and there few sentences, it will do just fine; you can check I’ve not taken things out of context simply verifying the speech transcript.

So, here we go with the sermon, I mean, with the speech:

Fifteen years that dawned with terror touching our shores; that unfolded with a new generation fighting two long and costly wars; that saw a vicious recession spread across our nation and the world. It has been, and still is, a hard time for many.

See the problem here? According to the new messiah, the recession has been caused by the terrorist attacks (9/11). Interesting. I believed the recession was triggered by the US manufactured financial bubble which exploded in 2007. Does anyone still remember the subprime loans, the derivatives … ? According to my “flawed” memory, it was from the US that the financial crisis propagated to the whole planetary system. Revisionism in action?

Tonight, after a breakthrough year for America, our economy is growing and creating jobs at the fastest pace since 1999. Our unemployment rate is now lower than it was before the financial crisis. More of our kids are graduating than ever before; more of our people are insured than ever before; we are as free from the grip of foreign oil as we’ve been in almost 30 years.

First of all. USA is not America, it is just a portion of the North America. No, it is not a “detail”. Second, a secret revealed. One of the reasons the unemployment has gone down is because Obama’s administration modified the way unemployment is measured, increasing the portion of inactive people, because inactive people do not count as unemployed. Another little secret. Young people tend to pospone the entrance in the job market in hard times, by prolonging the studies; people at the college count as inactive, not as unemployed.

Let’s observe some other precious and touching moments …

Will we approach the world fearful and reactive, dragged into costly conflicts that strain our military and set back our standing? Or will we lead wisely, using all elements of our power to defeat new threats and protect our planet?

What an Hamletic doubt. To be reactive and then wage wars; or be proactive and then wage wars? Obviously, to protect “our Planet”. The Planet of whom? Sorry, I missed the memo. When did the US purchased the Planet?

But the messiah has also a caring thought for veterans…

And as a new generation of veterans comes home, we owe them every opportunity to live the American Dream they helped defend. Already, we’ve made strides towards ensuring that every veteran has access to the highest quality care. We’re slashing the backlog that had too many veterans waiting years to get the benefits they need, and we’re making it easier for vets to translate their training and experience into civilian jobs. Joining Forces, the national campaign launched by Michelle and Jill Biden, has helped nearly 700,000 veterans and military spouses get new jobs. So to every CEO in America, let me repeat: If you want somebody who’s going to get the job done, hire a veteran.

The US have a tremendous rate of PTSD and suicide rate among veterans, this is true, because wars aren’t nice for anyone, and the return to home is not always welcomed by the society. Dear messiah, let me repeat; if you do not want this crap to happen, simply do not wage wars. It will make things even simpler. No wars, no more veterans to put back in the civil community. And there would be even other good news; US won’t be forced to spend 20% of budget for military expenses and the Pentagon won’t be forced to give away tanks to the police, as gifts. Just saying…

But let’s see a bit of economics…

Since 2010, America has put more people back to work than Europe, Japan, and all advanced economies combined. Our manufacturers have added almost 800,000 new jobs. Some of our bedrock sectors, like our auto industry, are booming. But there are also millions of Americans who work in jobs that didn’t even exist ten or twenty years ago – jobs at companies like Google, and eBay, and Tesla.

A bit of confusion here, IMHO. Since 2010 the US does better than Europe and Japan combined for a simple reason. A reason that US citizens be better to understand very well.

US made very well because Europe performed very badly. Why? Because. after the US lead financial crisis, many European countries have fallen into austerity and then into recession; why? Because they have been forced on this path by the US rating companies, such S&P, Moody’s, etcetera. The very same companies that failed to oversee the US financial system and prevent its collapse, were bringing down the ratings of European countries, countries which were more healthy than the US. This down-rating made impossible to many EU countries to get money by external investors, and vice versa made it easier the inflow of money into the US system, which was higher rated thanks to the Quantitative Easing policy. And, as if the down-rating had been not harmful enough, the US manufactured the Arab Spring, destabilizing the Mediterranean area; and the recent US lead coup in Ukraine brought to stagnation the entire European industry (yes, even Germany) and the whole exports to Russia. Everything because of humanitarian reasons and because of threats approaching US shores…., of course.

Very emblematic to me, to observe Obama celebrating the car industry recovery; Chrysler has been “saved” by FIAT, an Italian company. This should tell you that something in the “celebration” of US exceptional recovery is fake. After the US lead crisis, FIAT was able to take over Chrysler at discount prices because Europe, and even Italy, had better economics fundamentals than US. But soon after, FIAT had to move out of Italy most of its operations because of collapsing Italian internal market conditions, forced down by the decreasing trust in the Italian/European economic system.

This is the way your country operates, this is the way it leads. If it is not a war with bullets, it is war made of dollars, or oil.

Well I’ll stop here with the dissection of this “speech”. And I will not digress the pathetic and dishonest pandering to women, made of lies (wage gap) and omissions; did Obama mentioned somewhere the declining performances of boys in the education system; what about the fatherless America; and the 1% of male population in the jail system? If he was honest about the “gender” dimension, why did not addressed these topics? Because they do not matter.

These are the times of Social Psychology, dividi et impera, or divide and conquer. Lies and feelings, instead of truth and facts.

Lies, language manipulation, a cheering ground, really a scaring show, a show set-up to comfort an audience so used to be fooled by the media, that is not anymore able to grasp the signs of deception and manipulation.

481845847

Politics as a show business, with an indisputable star, Obama, a true narcisist so full of its own self produced image and lies, to have become the perfect actor, with no boundaries left between the man and the role to play.

A man on a pedestal, two protective figures on his back, one on the left, one on the right. In the background a magnificent flag, “IN GOD WE TRUST” above his head. Around him, a cheering unquestioning crowd.

I’ve seen this stuff before..

Je Suis Voltaire

François-Marie Arouet, au registraire. Je aurais le plaisir de donner mon avis, utilisant mon meilleur Italien. Avec votre permission…

??????????????

Di recente avete attirato la mia attenzione, su eventi accaduti nella mia Parigi. Bella, come 3 secoli fa. No, non scrivo per esprimere solidarietà. pardom moi, ne ho visti di morti dalla mia posizione di osservatore privilegiato. E morto son io, per la verità. E quanti morti, accanto a me; molti morti per un sogno di libertà, quasi tutti morti in servitù per la libertà di pochi privilegiati. Perché la libertà è un sogno che svanisce, appena si aprono gli occhi.

No, vi scrivo perché sono un po’ disorientato dal corso degli eventi, e ovviamente perché si parla di Francia, e di America ovviamente, nazioni i cui statuti e principi costituzionali hanno liberamente attinto alle mie idee, all’epoca del loro concepimento, abbastanza “rivoluzionarie”. E poi perché si parla di satira, di libertà di pensiero, d’espressione. Beh, io sono il vostro uomo, anche da morto.

Insomma, da quel che ho capito, delle persone di religione musulmana avrebbero ucciso dei giornalisti rei di aver fatto satira deplorevole dell’immagine del proprio dio. E quindi a seguire degli altri eventi, inseguimenti, in cui muoiono altre persone, oltre ai “terroristi”, di cui alcune di religione ebraica. In tutto circa 16 innocenti uccisi oltre a 3 terroristi, più altri feriti di cui alcuni in pericolo di vita. Alcune TV commentavano gli eventi come attacco alla libertà di espressione, in particolare di satira. E di satira ne so qualcosa; non c’era alternativa all’ironia e al sarcasmo per dissacrare i potenti; ai miei tempi, esser seri non conveniva. E pure ad esser comici, si rischiava la Bastiglia, ne so qualcosa. Non scontro di religioni o di altro, ma scontro di civiltà. Che meraviglia della tecnologia questa TV. A saperla usare. A noi toccava scrivere sull’Encyclopédie. Retaggi di una civiltà arretrata. Qualche altra TV commentava il crescente antisemitismo mostrando delle immagini di protesta contro lo stato di Israele, reo, apparentemente, di aver ucciso 2,000 palestinesi; eccesso di satira, ovviamente.

E poi vi ho visto sfilare per le piazza per difendere la vostra libertà d’espressione. E con voi, i vostri leaders. I governanti con i governati, insieme ma separati, per la sicurezza dei deboli. I vostri potenti che difendono la vostra libertà di satira. Come sono cambiati i tempi.

Tanto ci tengono i vostri potenti alla vostra libertà, che la vogliono tutelare con la massima sicurezza. Frontiere aperte, ma mura sempre più alte. Perché nella Bastiglia c’è la vera libertà.

Russia invaded Ukraine. Putin busted!

Fellow Americans, dear Europeans, comrades, civilized people of the free world. Our Ukrainian friends are under siege, a siege sized by the evil Zar.

Andrey Lysenko, a member of the patriots that liberated Kiev from the Russian puppet, bringing prosperity, unity and foremost freedom, has once again news for us.

Lysenko is one of our most reliable sources, a trusted friend, with a successful track record of spotting enemies; we call him with code name “Eye of the Lynx” or more simply “The lynx”.

The Lynx in August revealed to the world of the free, that the liberation army had just destroyed an invading Russian convoy! The liberation army, fortunately, wiped out completely the enemy. A severe lesson for the evil Russians; the enemy was defeated, destroyed, disintegrated, annihilated, so much that it was then not anymore possible to provide evidences of the convoy itself.

But here we come again!

The Lynx has once again done his job. He intercepted a new evil Russian convoy invading Ukraine with 32 tanks, 16 howitzers, 30 trucks of ammunition, and radar equipment.

t72b_minsk_parade_may_2005_1_2

This time Russia is deploying also some of his most advanced weaponry, featuring the AWT-32/TY tank, invisible to radars, but not only that. It features a worrying stealth technology that makes it almost invisible also to human sight.

Here a picture of the tank with the stealth technology switched on:51cdc30869629c8633000012

Here a picture of the tank with the stealth technology switched off:51cdc30869629c8633000012

So far with the verified facts.

While it has yet to be confirmed, some of our “sources” believe that some tanks were waving black flags, reminding ISIS’s ones. Other sources, we can’t disclose, also mentioned the presence of Sirian and Iranian personnel in charge of manouvring a balistic truck with the following misterious sign: radio_2370271b

Other two trucks showed the following flags:

chinese-flag-graphic

kplarge

This is a time in which people of the civilized and free western world must stay united; we want you to resist the propaganda of the invaders; and then fight them back until freedom and pipes will finally be secured.

This message was brought to you by Radio Pentagon. Nothing we do would be possible without the proud support of our platinum sponsors: Lockheed Martin, Exxon, Chevron, CNN, UN, FMI, World Bank, USAID, CFR, NATO

Support us, support freedom, buy their products.

END of MESSAGE – CODE 201fr242faa/888/3212 – Radio Pentagon

Meglio Caino

Sono passati più di 6 mesi dal colpo di stato in Ucraina, il conseguente insediamento di un governo antirusso con palesi affiliazioni neo-naziste. Sono passati mesi dalle visite delle delegazioni Statunitensi in Ucraina e dalle visite guidate offerte ai governanti Ucraini presso la Casa Bianca, al cospetto del premio Nobel Obama. Le intercettazioni in cui la diplomatica USA mandava letteralmente “a fare in culo” l’Europa per il lassismo e l’esitazione a determinare gli esiti del governo Ucraino, sono già nel dimenticatoio. Come pure gli incontri della delegazione USAID di fronte a imprenditori Ucraini, sotto l’egida di uno sponsor disinteressato, la Chevron.

La Crimea è ormai annessa alla Russia, illegalmente secondo la Nato, ma lecitamente secondo il 97% dei votanti del referendum largamente votato dalla popolazione che in Crimea, al contrario di Europei e Statunitensi, ci vive. E sono passati ormai mesi da quando il figlio di Joe Biden, vice presidente degli USA, si è insediato dell’ufficio legale di una delle più importanti aziende del settore energetico Ucraino. Sono passati ormai mesi da quando abbiamo saputo, dai nostri allineatissimi media, dei cecchini del governo (eletto) Ucraino che uccidevano più di 100 manifestanti; salvo poi scoprire, inclusa la nostra Lady Ashton, che i cecchini non erano affatto governativi ma affiliati “oscuri” del gruppo Maidan. Mesi sono passati dalla strage di Odessa, in cui i manifestanti filo-russi hanno ricevuto un “caloroso” benservito dalle milizie Maidan a supporto del governo insediato; col benestare USA ovviamente, ed Europeo s’intende. E sono passati mesi dall’abbattimento dell’aereo di linea Olandese; aereo abbattuto dalle contraeree dei ribelli filorussi, così ci diceva la Casa Bianca prima ancora che l’aereo fosse caduto al suolo.

Da allora, misteriosi avvistamenti di truppe Russe che invadono l’Ucraina, tanto concrete quanto le armi di distruzione di massa di Bush e Cheney. Quindi sanzioni unilaterali da parte della Nato, cioè USA ed Europa; sanzioni, per non dire sabotaggio commerciale, in piena violazione del WTO che proprio gli USA hanno inventato ed esportato in ogni luogo; democrazia e WTO, con la pistola puntata alla testa. Ricetta collaudata, chiedere a John Perkins.

Sanzioni alla Russia per distendere una crisi made in USA. E più la Russia distende, più la NATO si distende. Più la Russia concilia più gli USA sanzionano ben oltre i limiti della legalità internazionale. L’Europa al seguito, fedele cane da compagnia. La Russia accelera il percorso BRICS e i primi passi di una Banca Internazionale alternativa a FMI e Banca Mondiale; la risposta non si fa attendere; blocco dei conti all’estero degli oligarchi che supportano Putin e blocco degli scambi monetari basati sul circuito SWIFT. Ovviamente tutto in regola, le regole le facciamo noi d’altronde, o qualcuno per conto nostro.

Sanzioni da parte nostra, e la Russia ricambia, come può. Europa e Russia come i capponi Manzoniani, mentre qualcuno si gode lo spettacolo dall’altro estremo dell’Atlantico.

A febbraio la piazza Ucraina e le borse vanno giù, chi più chi meno. Quindi sanzioni, che raggiungono il loro picco ad Agosto; e le borse vanno giù nuovamente,  chi più chi meno. E il miracolo riesce; si ferma la macchina Tedesca largamente esposta in Russia, non solo per la fornitura d’energia ma per tutto il comparto industriale . Borse già, chi più chi meno, perché la guerra economica si svolge, al solito, nel nostro vecchio e caro continente, l’Europa.

Giù le borse, è vero ma non tutte allo stesso modo…

MIB

Andamento indice borsa Italiana (1 anno)

DAC

Andamento indice borsa Francese (1 anno)

DAX

Andamento indice borsa Tedesca (1 anno)

S&P

Andamento indice borsa USA-Standards&Poor (1 anno)

Le borse europee si ritrovano con capitalizzazione poco superiore a quella di un anno fa; ben diversa la storia oltre-atlantica. Come dire la guerra è “fredda” per tutti, ma negli “States” è un po’ più mite, non sembra anche a voi?

Ma Obama comanda, e la nostra generazione di leader “80 Euro” risponde.

Sei anni fa gli USA realizzavano un crack finanziario a valle della bolla speculativa sul debito privato, i subrprime, tirando giù l’intero mercato mondiale agganciato al petrodollaro e al WTO. Quindi il Quantitative Easing, la politica ultraespansiva che pompa triliardi di dollari nella casse delle banche e delle imprese d’oltreoceano. In Europa invece va di moda l’austerity, perché i PIGS devono fare bene i conti; ce lo dice l’Europa, ma in realtà ce lo comandavano Merryl Lynch, Standard & Poors e Goldman Sachs, che ci abbattono il rating ad ogni sussulto di sovranità. Fino all’amministrazione delegata. E noi a prendercela con la Germania, la nuova Perfida Albione, rea di tirare avanti nonostante la congiuntura economica. Come i capponi, sempre e comunque.

Così, mentre gli USA vanno al galoppo, l’Europa va al traino della Germania, fino a quando il cavallo non viene azzoppato. Dai Russi, ovviamente, chi altro?

Eppure gli Americani ce l’avevano fatto capire da prima che la questione Russa gli stava a cuore. Perfino i giochi invernali di Sochi, sono diventati la vetrina della campagna denigratoria Made in USA. E prima di loro le Pussy Riot palesavano l’orripilante perversione di una cultura “tradizionalista”.

Ma ben più concretamente il Senato Statunitense ce l’aveva detto già a chiare lettere, che l’Europa non stava facendo bene i compiti, già nell’agosto del 2013 quando il Congressional Research Service (USA) redigeva un documento “Europe’s Energy Security: Options and Challenges to Natural Gas Supply Diversification“. Cosa diceva questo documento? Semplice, due cose chiare chiare: l’Europa era troppo dipendente dal gas Russo e non stava approfittando adeguatamente delle opportunità aperte dalla primavera Africana. Nessuna congettura mia, parole loro, testuali, “pare pare”. D’altronde c’era da capirli gli americani. Con tutto il casino che si sono dovuti inventare per giustiziare Gheddafi e Mubarak, un po’ di riconoscenza è il minimo. Perché comprare il gas Russo quando lo si può compare dagli Africani d’America?

Perché comprare il gas Russo rischiava di renderci troppo amici del nemico. Il nostro fratellone americano s’è dato così da fare per mettersi alla pari, tanto da inventarsi lo Shale Gas; purtroppo lo sanno pure i sassi, inclusi quelli mesozoici, che lo shale gas (fracking) costa 4 volte il prezzo del gas naturale reperibile sul mercato.

Ma mentre noi ci chiediamo “ma come è iniziata questa storia” e soprattutto “come ne usciamo”, gli USA aprono l’altro fronte, quello ISIS. Ribelli, pardon, terroristi, che esistevano da anni e che da tempo, finanziati dall’Arabia Saudita, combattevano contro Curdi, Siria e Iraq; magicamente divengono veicolo di crociate contro la Siria. A proposito; avete mai notato dove sta il Kurdistan?

Due piccioni con una fava; all’Arabia Saudita (consiglio la lettura di “Confessioni di un sicario dell’economia” per conoscere la storia delle relazioni tra USA e dinastia Saudita) le armi americane, per togliersi di mezzo l’ingombro Siriano e in futuro l’Iran; agli americani, doppio guadagno: l’espansione dell’influenza geopolitica nell’aerea sul lungo termine; sul breve termine, la sovra-produzione di petrolio da parte dell’Arabia Saudita e di gas dal Qatar con conseguente crollo dei prezzi del greggio e del mercato energetico, da cui dipende lo sviluppo dell’economia Russa, ed inoltre gas e petrolio per gli amici Europei; Europei alle soglie dell’inverno e ormai, letteralmente, alla canna del gas.

Gas e petrolio medio-orientale, ma targato USA. A proposito; avete sentito, di recente, che l’Italia compra petrolio dagli USA per la prima volta nella storia degli ultimi 20 anni? Vi siete domandati perché? Vi siete domandati da dove viene?

Va bene così, teniamoci stretto il caro fratellone americano.

Ma se questo è Abele, allora meglio Caino.

Conferenze di pace

Da Parigi, sede nel 1919 della Conferenza di Pace a valle della I Guerra Mondiale, ha luogo l’Expò 2014 dell’interventismo.

bellissima-colomba-bianca

Apre il presidente Francese:

La lotta degli iracheni contro il terrorismo è anche la nostra lotta, dobbiamo impegnarci in modo chiaro, lealmente e con forza al fianco delle autorità irachene. Non c’è tempo da perdere!

Dice il ministro degli esteri Francesi:

Lo Stato islamico non è né uno stato, né rappresenta l’islam, è un movimento di estrema pericolosità. Tutti, sul posto, giudicano necessario farlo arretrare o scomparire. Non soltanto far arretrare i terroristi del Daesh, lo stato islamico, ma sconfiggerli!

Ribatte la ministra Italiana:

Siamo tutti d’accordo sulla necessità di agire insieme, sul senso di urgenza: fare presto, fare insieme!

Quindi….Hollande:

Il caos fa il gioco dei terroristi. Bisogna quindi appoggiare coloro che possono negoziare e fare i necessari compromessi per preservare il futuro della Siria. E per la Francia, si tratta delle forze dell’opposizione democratica. Esse devono essere appoggiate con ogni mezzo!

Con queste colombe non c’è bisogno di falchi.

falco

L’ISIS e il terrore alle porte

Nulla è più agghiacciante di un pericolo invisibile. Lo sanno bene i cattivi dei Paesi del Medio Oriente e del Nord Africa che saltano in aria senza aver visto il volto del proprio nemico, né il velivolo che lo ospitava.

Mia madre mi raccontava (e tuttora mi racconta, per fortuna) dei bombardamenti Statunitensi su Roma durante la “liberazione” dell’Italia dai fascisti, cioè da noi stessi. Bombardieri provenienti da Sud, che in larghe formazioni procedevano verso Roma per abbattere le ultime postazioni di un regime allo sfascio e di un esercito tedesco in ritirata; bombardamenti a tappeto, e con essi qualche bomba che finiva … dove capitava. Erano i tempi delle bombe stupide. E così quando il cupo rumore della libertà si approssimava, mia nonna e i suoi tre figli correvano via da casa (una catapecchia sull’Appia Antica) per trovare rifugio. Mio nonno no, lui il rifugio l’aveva trovato già, permanente, qualche anno prima. Tale l’abitudine, che tutti sapevano distinguere a chilometri di distanza se gli aerei fossero gravidi di bombe o il parto fosse già avvenuto.

Attese e corse, col cuore in gola. Ma non terrore però, perché il pericolo lo sentivano da lontano per poi vederlo da vicino, sempre più delineato. No, niente terrore, solo paura, per se stessi, prima, per i malcapitati di turno, una volta avessero  intuito che la rotta dei bombardieri della libertà puntavano altrove.

Perché il terrore non è la pistola puntata alla tempia. Il terrore è l’idea di essere nel mirino di qualcuno che non si vede e non si conosce e che quando colpisce lo fa senza preavviso e senza lasciare tracce. E senza lasciare la possibilità di un ultimo abbraccio.

La paura ti fa correre, il terrore ti paralizza. La paura richiama l’istinto alla sopravvivenza, il terrore ti chiude nella rassegnazione.

Lo sapevano bene gli architetti dell’11 Settembre, che non desideravano gettare il popolo Statunitense nella paura, ma nel terrore. Nella consapevolezza di una morte possibile inferta da un nemico sconosciuto e invisibile. E terrore fu. Con esso arrivarono le estreme misure, l’Enduring Freedom, il Patrioct Act, lo spionaggio globale, la cancellazione dell'”habeas corpus” (NDAA, cioè la detenzione a tempo indefinito senza processo), i “domestic terrorists“, le “extraordinary rendintion” e i “combattenti” di Guantanamo. Le torri gemelle non solo spalancarono le porte al petrolio di Saddam, ma aprirono la voragine in cui sprofondare i diritti basilari dell’uomo, in primis quelli degli stessi cittadini Statunitensi. Cittadini che da quella voragine non sono più usciti, e che ormai da tempo vedono presidiare le proprie strade da polizia in assetto da guerra permanente e che oggi vedono materializzarsi l’ennesimo nemico televisivo, l’ISIS.

I ribelli dell’ISIS che diventano ovviamente terroristi. Perché il ribelle combatte un potere, il terrorista vuole portare il terrore tra la popolazione. Quello che è certo è che vengono commessi crimini verso persone del nord-est Africa; vengono uccise persone di diverse religioni e soprattutto locali, in modo truculento. L’opinione pubblica Europea viene mobilitata con le immagini di Cristiani trucidati, e monta l’idea della barbarie religiosa. Nessuno dice che in realtà la maggior parte delle vittime sono musulmane. Nessuno dice cosa sta succedendo, soprattutto cosa succede in Iraq. Una guerra civile forse? L’opposizione al governo Iracheno e alla lottizzazione dell’Iraq nella cui partita entrano anche i Curdi?

1193770349-peursdunoir11La voglia di porsi domande svanisce presto, la pancia degli Europei è già agitata dalla uccisione a sangue freddo di centinaia di uomini, molti apparentemente civili e dalla crocifissione di qualche cadavere, e dalle teste mozzate…ovviamente. La pancia è più veloce della testa. Le vittime sono locali e la minaccia è rivolta verso i locali, cosa c’entriamo noi “occidentali”? Le truculente uccisioni mandano in sesto piano il milione di civili uccisi dalla “civiltà” Euro-Atlantica dall’inizio della guerra irachena. Perché nel nostro immaginario c’è una guerra di civiltà, eh, il potere della TV. La “civiltà” Europea largamente Cristiana, non si pone più le domande più elementari; “chi sono questi?”, “cosa vogliono?”, “esiste un pericolo?”, “perché lo fanno?”, e soprattutto, “ma cosa sta succedendo laggiù?”.

Ma non è ancora terrore, è solo sdegno e un po’ di paura, paura per i malcapitati del luogo; per adesso è solo il sano pensiero di trovare un rifugio, di starsene a casa propria ed evitare luoghi apparentemente ostili e apparentemente pericolosi.

Devono saltare altre teste, quelle di giornalisti statunitensi ovviamente, prima, e di Inglesi, poi. La guerra civile in Iraq, pardon, guerra di “civiltà”, diviene terrorismo; un terrorismo “minacciato”, neanche attuato, verso Paesi distanti migliaia di chilometri. Prima Re Obama, poi il Principe Cameron, si ergono a paladini, uniti nella santa guerra contro il diabolico, per difendere la nostra “comune umanità”.

La nostra pancia si agita ma la testa ancora risponde; “sì è vero, potrei saltare in Iraq, ma qui in Europa sono ancora saldamente sulle spalle”.

Ma in men che non si dica arrivano i “flussi migratori di jihadisti” pronti ad immolarsi per la causa dell’ISIS. Uomini e anche, udite udite, donne, che lasciano i Paesi in cui vivono (o in cui sono nati) per andare a mozzare teste agli occidentali e creare lo Stato Islamico. E tra le donne jihadiste, alcune di esse adibite a gestire bordelli, in cui fanciulle, tenute in schiavitù, sono destinate a soddisfare i piaceri dei terroristi che non attendono altro che fecondare i ventri per dare alla luce altri terroristi. Farebbe ridere se non facesse piangere. Prove, quale prove? C’è bisogno di prove? Quando mozzi le teste, tutto sembra credibile, anche il cavaliere nero e il cavaliere bianco, e la principessa rinchiusa nel castello, ovviamente.

Il tweet di due ragazze disposte a lottare per l’ISIS, tre sventurati fermati alla frontiera, ed improvvisamente secondo l’attendibilissima intelligence della Casa Bianca, compaiono orde di potenziali terroristi, che potrebbero raggiungere gli jihadisti dell’ISIS, ptrebbero addestrarsi, quindi potrebbero tornare in patria dove potrebbero seminare il terrore.

Potrebbero.

E magari potrebbero fare una puntatina in Iran e prendere una bomba atomica, potrebbero smontarla, potrebbero riportarla a casa (nostra) e farla scoppiare.

Potrebbero.

Uno dopo l’altro i governi cadono nel gioco del terrore. Bandire i simboli dell’ISIS. Bloccare le persone che si ritengono (su quale base?) che potrebbero unirsi alla jihad. Bloccare i video dei mozzamenti di teste (e perché?).

Emblematico Thomas de Maiziere, Ministro degli Interni tedesco: “L’ISIS è un pericolo per la sicurezza pubblica in Germania, non sappiamo cosa stiano facendo ma potrebbero fare degli attentati”.

Potrebbero.

Un nemico invisibile che potrebbe fare qualsiasi cosa, ovunque, in qualunque momento.

Un nemico invisibile, perché il vero nemico è il terrore.

Sermoni di guerra

Proseguiamo nel cammino della pace planetaria, al seguito del Commander in Chief, il nuovo messia. Qui sotto il suo ultimo “speech”, le sue parole approvate da Dio, il sermone con cui benedire la nuova crociata.

“Novus Ordo Seclorum, Annuit Coeptis”.

A questo link troverete invece la trascrizione integrale (in inglese) del suo discorso.

Vi riporto di seguito il discorso tradotto, quasi integralmente, per evitare che la macchina da propaganda del vile nemico d’oriente possa disinformarvi sui nobili intenti del presidente dei diritti umani.

Merita. Istruttivo non solo in termini di contenuti, ma anche da un punto di vista, come dire, linguistico e psicologico.

Ecco a voi il Presidente degli Stati Uniti d’America, nonché Premio Nobel per la Pace, Barak Obama:

Miei “compagni” americani , stanotte vi voglio parlare di cosa gli Stati Uniti, insieme ai nostri amici ed alleati, faranno per indebolire e quindi distruggere il gruppo terroristico conosciuto come ISIL.

Il messia dichiara subito il suo intento: distruggere un gruppo di terroristi con il supporto dei suoi stati vassalli, definiti amici ed alleati. L’appellativo di “amici” per governi compiacenti e filiali militari, allude al senso di fratellanza, necessario a rafforzare un clima psicologico di comunità d’intenti, abilmente introdotto con la formula iniziale “miei compagni americani”. Compagni (“fellows”) invece di cittadini, infatti, serve a proiettare l’immagine di uomo tra gli uomini, di pari tra i pari; abbatte le gerarchie mentali tra il semplice cittadino ed il Presidente dello stato più potente del mondo. E’ l’ago dell’anestesia prima dell’operazione.

Come comandante in Capo, la mia più alta priorità è la sicurezza del popolo americano. Negli anni che ci anno preceduto abbiamo combattuto i terroristi che minacciano il nostro Paese….Grazie al nostro esercito e ai professionisti dell’anti-terrorismo il nostro Paese è più sicuro

A questo punto introduce il suo ruolo di Comandante (delle truppe), che accentra i poteri per il bene di tutti. L’ago è ormai entrato e la distonia tra “fellows” e “commander in chief” non viene percepita. Quindi la prima stoccata mirata a legittimare il ritorno positivo delle guerre della dinastia Bush: “il Paese è più sicuro”. L’anestesia sta facendo effetto e le barriere sono già calate e pochi si chiederanno “in che senso i terroristi distanti migliaia di km minacciano il nostro Paese?” Sottile poi il riferimento all’anti-terrorismo come strumento efficace di tutela della sicurezza, utile ad adagiare un velo di consenso sullo scandalo Datagate/NSA. Chi oserebbe metterne in dubbio l’utilità di un Grande Fratello di fronte a terroristi alle porte?

Ma continuiamo ad essere soggetti al pericolo terrorista. Non possiamo cancellare ogni traccia del diavolo dal mondo, e un piccolo gruppo di assassini ha la capacità di fare notevole danno. E’ stato vero per  l’11 Settembre lo è tuttoggi. … In questo momento la minaccia maggiore viene dal Medio Oriente e dal Nord Africa …  e uno di questi gruppi si chiama ISIL.

A questo punto la minaccia si materializza, l’ISIL (o ISIS o IS). Una delle minacce, in realtà, come vedremo dopo. Abile il richiamo all’11 Settembre, utile a rievocare le paure mai sopite e quindi la necessità di estreme misure. Non importa quanto piccolo e lontano sia il gruppo, la minaccia è ben più grande e vicina. Il percorso di costruzione della necessità di una risposta armata e di una risposta sproporzionata è completo; esiste un precedente in termini di minaccia (11 Settembre e Al Qaida) e di intervento militare (invasioni e occupazioni di Iraq/Afganistan). Il riferimento al “diabolico” sostiene l’immaginario di una battaglia etica e conquista le ultime barriere dell’elettorato conservatore statunitense tipicamente Repubblicano. L’anestesia è completa.

E chiariamo due cose; ISIL non è islamico: nessuna religione perdona l’uccisione di innocenti e la grande maggioranza delle vittime dell’ISIL sono musulmane. E ISIL non è uno stato…nessun governo lo riconosce.

Qui ci dice che non è una guerra di religioni, e che la religione non c’entra. Ma ci dice anche un’altra cosa interessante e cioè che la stragrande maggioranza di vittime sono locali e non sono neanche Cristiani. Implicitamente afferma che è una guerra etnica e di potere a cui sostanzialmente il mondo “occidentale”, in particolare Statunitense, è estraneo. Cosa c’entrano allora gli USA? Poco, nulla, ma ormai l’audience è in trans e difficilmente coglie l’inconsistenza di questo messaggio con le premesse precedenti. Messaggio in realtà diretto alla comunità araba in particolare agli Stati Arabi amici che appunto non riconoscono, ovviamente, l’ISIL.

L’ISIL è un’organizzazione terroristica, pura e semplice. E non ha altra visione se non il massacro di chi l’ostacola.

Appunto la visione Statunitense. Prosegue:

L’ISIL rappresenta una minaccia per l’Iraq, la Siria e in generale per il Medio Oriente, ivi inclusi i cittadini americani, personale e impianti.

Qui innanzi tutto fa capolino la Siria. Ma soprattutto viene chiarita la dimensione Statunitense sotto minaccia; gli impianti e il personale delle imprese USA.

Sebbene non abbiamo ancora individuato complotti contro il nostro territorio, i leader di ISIL hanno minacciato gli USA e i nostri alleati.

Il messia ci dice che non esiste un pericolo oggettivo ma le semplici minacce verbali di persone lontane migliaia di km, che uccidono quasi esclusivamente persone del luogo e che”potenzialmente” potrebbero rivolgersi verso interessi e cittadini “occidentali” in quei luoghi rappresentano un pericolo alla sicurezza statunitense. Chiaro il concetto di sicurezza statunitense? Se il pericolo è fuori confine, non si ritirano imprese e persone, ma si interpreta il problema all’estero come minaccia interna. Questo passaggio “logico” serve a estendere i confini nazionali nell’immaginario del telespettatore (ormai intorpidito) ormai incapace di cogliere il non sense in termini razionali. E continua:

I servizi segreti ci dicono che migliaia di stranieri (ivi inclusi Europei e Statunitensi) si sono uniti a loro in Siria e Iraq. Addestrati alla guerra, potrebbero tornare in patria e portare avanti attacchi letali.

A cosa serve ciò? A legittimare l’idea di un nemico alle porte perché sostanzialmente interno e quindi la natura necessaria di strumenti di controllo della liberà personale. Tutto perché gli interessi “interni” all’estero rendono interno ciò che è esterno.

Questa notte voglio che sappiate che gli USA fronteggerà ISIL per risolvere il problema. Dallo scorso mese le nostre forze armate hanno colpito l’ISIL per fermare la sua avanzata. Da allora oltre 150 attacchi aerei in Iraq hanno protetto personale e impianti Statunitensi, ucciso i combattenti dell’ISIL, distrutto armi e agevolato le forze Irachene e Curde per occupare il territorio. Questi attacchi hanno aiutato a salvare la vita di migliaia di uomini, donne e bambini.

A questo punto il messia fa capire che la cosa è in moto e che già miete successi. Si sta facendo spazio alle forze alleate Irachene e Curde, facendo capire che la guerra dell’ISIL è contro le forze stabilitesi dopo l’occupazione dell’Iraq e non contro la civiltà “occidentale” in quanto tale. Interessante in particolare il ruolo dei Curdi a cui evidentemente deve essere garantita un’espansione sia in virtù della complicità garantita nella guerra d’Iraq contro Saddam che per il ruolo destabilizzante che potrebbero recitare contro la Russia (Georgia), la Siria e l’Iran. Ovviamente, quanto fatto ha salvato degli innocenti, ovviamente.

Kurdistan-map

… Quindi stanotte, dopo colloqui con il governo Iracheno, con gli alleati e all’interno del Congresso, posso annunciare che gli USA guideranno una larga coalizione.

In sostanza il messia ci dice che hanno messo in mezzo altri Paesi in una guerra che interessa loro e che loro guideranno. Ha appena comunicato ai “compagni” americani che continuerà la guerra con le bombe intelligenti, ma i “fedeli” non se ne saranno neanche accorti e staranno pensando ancora agli “innocenti” salvati.

Il nostro obiettivo è chiaro: fiaccheremo e quindi demoliremo l’ISIL attraverso una estesa e prolungata strategia anti-terroristica.

Questo è un bell’esercizio di manipolazione. Dopo aver detto che la cosa è stata decisa da lui e già in corso, l’obiettivo diviene “nostro”, inclusivo, collettivo. Interessante notare come l’obiettivo sia l’ISIL, un soggetto che non ha, come da lui ammesso, un confine geografico e ordinamento definito e riconosciuto. In quanto tale, l’obiettivo stesso è indefinito e per questo l’azione viene definita come estesa, perché non ha delimitazioni temporali e geografiche. Nonostante ciò l’obiettivo viene millantato come “chiaro” proprio perché non lo è. In realtà l’ISIL/ISIS non esisteva fino a un mese fa, tanto che neanche il nome è stabile. Il “chiaro” serve proprio a creare la suggestione che il piano sia definito e limitato, quando in realtà non lo è.

Primo, noi condurremo una campagna sistematica di attacchi aerei contro i terroristi. In collaborazione con il governo Iracheno, espanderemo i nostri sforzi, proteggendo la nostra gente e le missioni umanitarie, colpendo gli obiettivi dell’ISIL mentre le truppe Irachene andranno all’attacco. Inoltre ho chiarito che noi daremo la caccia a chi minaccia il nostro Paese, dovunque sia. Ciò significa che non esiterò a prendere azioni contro l’ISIL in Siria come pure in Iraq. Questo è un principio chiaro della mia presidenza: se minacci gli USA, non troverai scampo in nessun paradiso.

Oltre a ribadire il ruolo di “scudo morale” delle missioni “umanitarie” e quindi implicitamente ribadendo la superiorità etica delle forze dell’occidente, il messia ci ribadisce che la lotta non ha confini, in particolare che la Siria è nel mirino. “Condurremo, “espanderemo” ancora servono a mitigare il contenuto decisionista e unilaterale (esemplificato dal “non esiterò”) delle azioni da lui intraprese. Gli spettatori si guarderanno magari un po’ stralunati chiedendosi “ma quando cazzo abbiamo deciso questa cosa?”ma poi il senso di impotenza per una decisione passata sopra le loro teste e il senso di umiliazione per essere stati presi per i fondelli da chi aveva salito gli scalini della Casa Bianca con proclami di pace, saranno coperti dall’illusione di partecipare ad una crociata giusta, per la propria sicurezza, per salvare donne e bambini e per il bene di tutta l’umanità. Il linguaggio, va da sé, è pressoché identico a quello di Bush, ivi incluso il riferimento al sacro, il “paradiso”.

Secondo, incrementeremo il supporto alle forze che combattono i terroristi sul territorio…Come ho detto in precedenza le forze statunitensi (di terra) non avranno ruoli di combattimento, non saremo coinvolti in un’altra guerra terrestre in Iraq. Supporteremo gli Iracheni e i Curdi con addestramento, strumentazione e informazioni…

Il passaggio serve sostanzialmente a recuperare parziale credibilità rispetto ai proclami elettorali di pace. Interessante notare come le amministrazioni Statunitensi amino rassicurare i propri cittadini rispetto al possibile impiego di forze di terra, come a dire “andiamo lì, li bombardiamo dall’alto senza che possano contrastarci, limitando al minimo le perdite”, senza capire che è proprio questo che rende gli USA odiati a tutto il mondo, non tanto per l’animo guerrafondaio, quanto per la slealtà “bellica” con cui conducono le guerre. Senza contare ovviamente la presunzione di superiorità morale. Sarà magari per questo che poi prendono qualche civile e lo decapitano? Quindi prosegue:

Oltre la frontiera, in Siria, ho aumentato la nostra assistenza alla opposizione Siriana. Stanotte chiederò al Congresso di supportare i combattenti (Siriani). Nella lotta contro l’ISIL non possiamo fare conto sul regime di Assad che terrorizza il proprio popolo; un regime che non riguadagnerà mai la legittimazione ormai persa. Invece noi dobbiamo rafforzare l’opposizione contrastando gli estremismi quali l’ISIL, mentre perseguiamo la soluzione politica atta a risolvere la crisi Siriana una volta per tutte.

Con il telespettatore anestetizzato e inerte, il messia sfodera altri capolavori della manipolazione. La lotta all’ISIL diviene lotta a ciò che non è ISIL e che dall’ISIL è osteggiato, la Siria. Foraggiare i combattenti (quelli che vengono definiti ribelli in Ucraina e terroristi in Iraq) che hanno dato luogo al pericolo ISIL per gli USA. Il nemico del mio nemico non è più amico, almeno nei giochi statunitensi in Medio Oriente. Evidentemente tutti devono essere nemici di tutti e amici di uno solo. Non si può contare su Assad per combattere l’ISIL sebbene sia l’unico che lo combatte da 3 anni. Perché Assad ha perso la legittimazione, secondo chi? E Assad terrorizza il proprio popolo, secondo chi? Perché gli USA perseguono la soluzione politica in Siria, dando armi ai terroristi, pardon ai ribelli, pardon ai combattenti. Una soluzione, una volta per tutte, la stessa valsa per l’Ucraina?

 Terzo, …. in due settimane presidierò un incontro al Consiglio di Sicurezza dell’ONU per mobilitare la comunità internazionale in questo sforzo.

Con la Russia e la Cina? Con queste premesse? In bocca al lupo. O forse sarà l’occasione per poter dire “la Russia si oppone all’intervento per salvare donne e bambini dal diabolico ISIL,….e Assad?” Staremo a vedere.

Quarto, continueremo a fornire assistenza umanitaria ai civili innocenti, cacciati dai terroristi.

No comment.

Questa è la nostra strategia. …. Questa è la leadership Statunitense al meglio di sé; noi stiamo con chi combatte per la propria libertà; e chiamiamo ad adunata le nazioni per la nostra comune sicurezza e umanità.

Il mito americano alla deriva. La prosopopea di chi vive del mito della “Città sulla collina” dei Padri Fondatori di qualche secolo fa, divenuta culto della superiorità umana. Umani contro non umani.

 … Questa strategia di eliminare i terroristi che ci minacciano, è ciò che abbiamo già fatto con successo in Yemen e Somalia per molti anni. Ed è l’approccio che ho delineato all’inizio di quest’anno: usare la forza contro chiunque minaccia gli interessi strategici Statunitensi, e al contempo mobilitare alleati per indirizzare sfide su larga scala.

Chiaro, no?

president-obama-600

Miei “compagni” statunitensi, viviamo in un tempo di grandi cambiamenti …  ma nonostante le grandi sofferenze patite in questi anni … gli USA sono oggi nelle condizioni di impostare il futuro meglio di qualsiasi altra nazione sul Pianeta. … La guida Statunitense è l’unica costante in un mondo incerto. Gli USA hanno la capacità di mobilitare il mondo contro i terroristi. Sono gli USA che hanno adunato il mondo contro l’aggressione Russa, e a supporto del popolo Ucraino nel desiderio di decidere il proprio destino. Sono gli USA, i nostri scienziati, il nostro sapere, che aiuteranno a contenere la diffusione dell’Ebola. Sono gli USA che hanno aiutato a distruggere i depositi di armi chimiche della Siria in modo che non possano essere un pericolo per il popolo Siriano e per il resto del mondo ….

Qui rinforza il ruolo degli USA come “elite” umana. Introduce quindi la Russia come aggressore di un popolo in cerca di libertà. Una carta che servirà forse da qui a poco. Molto interessante il riferimento all’Ebola; probabilmente vaccinazioni e terapie contro malattie endemiche, saranno la contropartita per il consenso del dittatore democratico di turno ad ospitare i prossimi “interessi americani” in Africa. Ribadisce quindi il ruolo dell’attuale regime Siriano come possibile pericolo per il Mondo. Nel 2007 Assad e la moglie facevano la prima pagina di Newsweek, adesso sono un pericolo per il Mondo.

Stati Uniti d’America, le nostre infinite meraviglie ci fanno dimenticare i nostri perduranti sacrifici. Ma come statunitensi, dobbiamo dare il benvenuto alla nostra responsabilità di guidare. Dall’Europa all’Asia, dai lontani luoghi dell’Africa al Medio Oriente, noi difendiamo la libertà, per la giustizia, per la dignità. Questi sono i valori che hanno guidato la nostra nazione dalla sua fondazione. Stanotte chiedo il vostro supporto per portare questa “leadership” oltre. Lo faccio come Comandante in Capo, che non potrebbe essere più fiero delle proprie forze armate …

Ritorna la commistione tra sacro e temporale. Il culto del popolo eletto (fattore comune ad un’altra nazione) che rivendica il suo ruolo fuori dei propri confini, senza confine, come eredità storica dei propri Padri Fondatori. Ritorna il refrain “datemi il vostro consenso, le truppe sono già partite ed io sono al comando”. Una volta lo facevano dai balconi col rischio di beccarsi qualche fischio; davanti ad una telecamera è tutto più facile.

Questo è ciò che fa la differenza nel mondo. E la nostra sicurezza dipende dalla nostra disponibilità a difendere questa nazione, e tenere alti i valori in cui crediamo, ideali senza tempo che rimarranno quando quelli che offrono solo odio e distruzione saranno svaniti dalla Terra.

Qui la chiusura del “ragionamento” (ragionamento da ventennio …) in cui in buona sostanza afferma che o mi date il consenso o siete dei traditori.

Possa Dio benedire le nostre truppe, possa Dio benedire gli Stati Uniti d’America.

Chiosa finale, di chi ha aperto affermando che nessun Dio perdona l’uccisione di innocenti, ma dovrebbe benedire le truppe Statunitensi.

Amen