I “musi gialli” ci spiano

Pare, si dice (Associated Press), che Obama dovesse pernottare presso l’Hotel Waldorf-Astoria in previsione della partecipazione all’assemblea Generale delle Nazioni Unite, ma ha cambiato destinazione in favore del New York Palace Hotel.

Fonti attendibili affermano che la ragione del cambio programma sia dovuta al fatto che l’Hotel Waldorf-Astoria sia di proprietà della compagnia assicurativa Cinese Anbang, e che i servizi di sicurezza del Presidentissimo temano azioni di spionaggio cinese.

Invece il New York Palace Hotel è di proprietà Sud Coreana.

Il messaggio mi sembra chiaro.

Annunci