Processo per direttissima

Zoomma sul giudice! Dai veloce, piano americano, poi toga e sali sul viso vai! Te devo di tutto, cazzo!

“Allora Josef, lei è qui per rispondere dei suoi crimini. Ha nulla da dichiarare a sua discolpa? Sapendo bene che se mente la pena sarà ben più severa? Lo dico per atto dovuto, ovviamente. Allora si dichiara colpevole?”

Vai sul criminale dai! Veloce … fai vedere il sudore. Vai con questa cazzo di camera, vai, vai, vai!

“Signor giudice, di cosa? Che reato? Colpevole di cosa, e discolparmi …come?

E’ cotto, balbetta. Carrellata sulla giuria popolare, poi piano largo sul pubblico.

” Sei una merda! Ti devono castrare! L’hai rovinata, l’avete rovinata! Bestie!”

Criminale di profilo, ruota e poi zoom sul giudice, vai, vai!

“Rovinato chi? Come?”

“Lei rende le cose più difficili del previsto, Josef. La sua giovane età non attenua la gravità del suo crimine. Né di quello dei suoi cinque compagni di ‘gioco’. Le piace giocare Josef? E’ bello il gioco finché non si fa serio. Confessi, come gli altri”

“Gli altri chi? Confessare cosa?”

Occhi del giudice, poi panoramica sull’aula!

“Il più terribile dei crimini, Josef. Li sente Josef, lo sente il pubblico? Immagini cosa penseranno da casa? E fuori, Josef… ? Fuori, cosa pensa che l’attende una volta uscito da qui, senza confessione? Tutta la città l’attende, tutto il Paese. Lo sa? Sono scesi pure in piazza; tutta la notte, una fiaccolata, perché vogliono giustizia, solo giustizia. La chiamavano per nome, lo sa?Gliela volgiamo dare un po’ di giustizia, mica li vogliamo deludere, no? Nella pena c’è redenzione; nell’espiazione c’è il predono sociale. Li sente Josef? Li guardi, guardi i loro volti, cercano solo giustizia.

Zoomma sulle labbra, tremano, porco criminale….vai vai co’ sta cazzo de camera, su lui che gira la testa; quindi pubblico, poi primo piano ancora sul porco!

“Ma chi, cosa? Chi avrei, ucciso?”

“Ha per caso ucciso, Josef? Ci siamo persi qualcosa che già non sappiamo?”

“No signor giudice solo che pensavo … ma allora? Chi mi accusa? Di cosa? Quando, come? Dove?”

“Josef, lei era con gli altri cinque, quindi faceva quello che facevano gli altri cinque, non le pare ovvio? E poi non crederà che si possa imporre questo stress… le fatiche di queste formalità…alla povera vittima? Vuole vederla soffrire ancora. Non basta quello che ha passato? Concorderà con me che ha già sofferto abbastanza. Conviene?”

“Convengo, giudice”

“Allora, lei è poco più di un bambino. Gli anni passeranno presto. Alla sua età, gli anni volano. E papà e mamma la verranno a trovare, ogni tanto. E poi abbiamo tante iniziative per rendere la permanenza più lieve. Josef non abbiamo troppo tempo, lo faccia per me, per loro, per lei, per tutti. Si dichiara colpevole? Oppure…oppure, magari, preferisce tornare un’altra volta, e ricominciamo da capo? Io, lei, loro. Però creda a me, renderà tutto più triste. Prima si inizia, prima si finisce. I suoi amici hanno capito. Non vuole tornare a giocare con i suoi amici?”

“Allora..”

“Allora Josef?”

“Allora, va bene”

“Posso consideralo un sì, Josef?”

“Si”

“Posso consideralo un Sono colpevole, Josef?”

“Si”

“Bravo Josef. Lei è come tutti gli altri. Colpevoli, tutti colpevoli”

Annunci

Verdini dalla rabbia

Verdini strappa col Nano a piede libero ed appoggia il PD, nel Colpo di Stato Costituzionale. Ah, no, scusate! Pare si dica “Riforma Costituzionale”.

Una riforma che nessuno ha chiesto e che quando la Presidentissima della Camera ha sottoposto a sondaggio, è stata subissata di insulti…la Riforma intendo. Legittimi.

Una riforma segreta, un po’ come il TTIP…

Comunque Verdini dà il suo appoggio a Renzi; compari Fiorentini ….

Un appoggio alla Lewinsky, non so se mi spiego.

Rassicura quindi Verdini: “Nessuno vuole confluire nel PD, non vi preoccupate!”

Denis, io sono serenissimo; in tutta sincerità, non vedo la differenza.